Donare il sangue, anche in vacanza, per superare l’emergenza estate


Donare perché nei mesi estivi il fabbisogno di sangue ed emoderivati non diminuisce, ma cresce soprattutto nelle province toscane dove il turismo è più forte. E’ l’appello delle Pubbliche assistenze toscane, che invita tutti i donatori a recarsi presso i centri trasfusionali delle Asl prima di partire o appena tornati dalle vacanze. «Con l’estate - ha detto il responsabile regionale dei donatori, Nilo Carpita - si allenta la tensione, e cala anche il numero di persone che dona il sangue. Invece è questo forse il momento più difficile, con i reparti sempre in emergenza perché manca sangue o plasma». Un appello che per Anpas Toscana ha grande significato, e che serve anche a ribadire il principio affermato dalla recente legge sulle donazioni: l’assoluta gratuità del sangue umano e il principio etico che sta dietro alla donazione.
L’impegno delle Pubbliche assistenze toscane per diffondere «La cultura del donare sangue» parla chiaro. Parla chiaro attraverso il numero delle donazioni, che in dieci anni sono passate da 6327 a 9446. Parla chiaro con l’impegno quotidiano dei suoi 9500 donatori, che appartengono a 39 delle 148 associazioni di pubblica assistenza toscane. Anpas Toscana, 148 associazioni, 380.000 soci e 18.000 volontari, vuole aumentare le donazioni e migliorare in qualità.
Secondo i dati della Regione Toscana, il 2005 è stato l’anno d’oro per le donazioni. Gli oltre130 mila donatori, hanno dimostrato la propria capacità di reggere la sfida che proviene dal mondo medico e dalla crescente necessità di sangue per attività cliniche sempre più diffuse e complesse. Dal 2002 al 2005 le donazioni sono state in costante ascesa. Lo scorso anno è stata raggiunta quota 208.353 (+3,1%), contro le 202.186 del 2004. Nel 2003 le donazioni sono state 192.491, mentre nel 2002, 188.060. Questo significa che nel 2005 le donazioni sono aumentate del 3,1% rispetto all’anno precedente. Per gli emoderivati si parla sempre di un aumento: per il plasma intero, 0,9%, 8,3 per la plasmaferesi, 2,1 per i multicomponenti di un 21,8%.
Le previsioni indicano un costante aumento della necessità di Sangue ed emoderivati. L’obiettivo dell’Anpas Toscana è di non mancare l’obiettivo insieme a tutti gli altri movimenti di volontariato che si occupano di donazione.

Redazione Nove da Firenze