Toscana underground: grotte e miniere come attrazione turistica


firenze- 1.500 grotte, oltre 270 chilometri di gallerie naturali, un gran numero di miniere e di tesori archeologici nascosti nel sottosuolo: è questa la Toscana ‘underground’, quella più nascosta alla luce del sole, ma assolutamente ricca di tesori naturali e archeologici che un numero sempre maggiore di turisti vuol conoscere e scoprire. Ed è proprio alle potenzialità del turismo sostenibile in grotta, in miniera e in altri ambienti sotterranei che è dedicato il convegno ‘Toscana underground’ in programma venerdì prossimo, 25 giugno, a Levigliani di Stazzema, a due passi dall’ingresso nell’antro del Corchia. Al convegno, che si terrà pressso l’Hotel Vallechiara, parteciperanno amministratori, in testa l’assessore regionale al turismo Susanna Cenni, tecnici, speleologi. Nel corso dei lavori, che si svilupperanno per tutta la mattina, a partire dalle ore 9, sarà presentato il progetto regionale ‘Toscana underground’, dedicato all’offerta turistica della Toscana del sottosuolo. Nel pomeriggio i partecipanti al convegno visiteranno l’Antro del Corchia. (mo)

Redazione Nove da Firenze