Domenica 20 giugno sboccia il fiore più grande del mondo


Fiorisce in questi giorni al Giardino dei Semplici dell’Università di Firenze, il fiore più grande conosciuto al mondo. Si tratta dell’Amorphophallus titanum, un’aracea che può raggiungere i 2,3 metri di altezza, scoperta nel 1878 a Sumatra dal botanico fiorentino Odoardo Beccari.

In previsione dell'imminente fioritura, l'Orto botanico – che ha sede in via Micheli, 3 - effettuerà un'apertura straordinaria domenica 20 giugno, dalle 9 alle 13. Per avere informazioni sullo stadio di sviluppo telefonare allo 055-2757402.

L'esemplare attualmente in fioritura deriva da una raccolta di semi fatta durante due missioni scientifiche svoltesi nel 1994 e nel 1995 nella parte ovest dell’isola di Sumatra (Indonesia). Nel giugno di due anni fa gli esperti dell'Orto botanico erano riusciti a far fiorire per la prima volta due esemplari del fiore, che si sviluppa con estrema difficoltà “in cattività”. Si è trattato di un evento eccezionale che non si era mai verificato in Italia e che ha pochi predenti in altri orti botanici.

Solo raramente il tubero riesce a produrre l'infiorescenza, morendo quasi sempre prima della fase finale perché attaccato da funghi e batteri; lo sviluppo di questo nuovo tubero conferma, quindi, che il fiore si sta adattando alle tecniche di coltivazione messe in atto e che l’aracea ha trovato nella serra dell’orto botanico le condizioni ottimali per la crescita.

Redazione Nove da Firenze