Firenze citta' d'arte. Cinquemila presenze per Santo Stefano agli Uffizi


MACCHINE FOTOGRAFICHE E SEGGIOLINI TASCABILI, DA TIRAR FUORI AL PRIMO ACCENNO DI STANCHEZZA E PERCHE' NO, ANCHE AL PRIMO ACCENNO DI FILA PER ENTRARE AI MUSEI. E' IL MINI KIT DEL PERFETTO TURISTA.
MA QUEST'ANNO NIENTE FILE CHILOMETRICHE DAVANTI ALLE BIGLIETTERIE DEI MUSEI.
POCHI I TURISTI AMERICANI MA IN COMPLESSO FIRENZE E LE CITTA' D'ARTE RIMANGONO SEMPRE LE METE PREFERITE DI QUESTI GIORNI DI FESTA. DOPO LA CHIUSURA DEL 24 E DEL 25 DICEMBRE IL GIORNO DI SANTO STEFANO LE PRESENZE AI MUSEI FIORENTINE SONO RADDOPPIATE.
IL PERCORSO TURISTICO DI FIRENZE SOLITAMENTE COMINCIA SEMPRE DA QUI. UNA VISITA A PALAZZO VECCHIO E POI LA GALLERIA DEGLI UFFIZI. IERI PIU' DI CINQUEMILA VISITATORI.
LA MAGGIORPARTE SONO TURISTI STRANIERI MA ANCHE TANTI ITALIANI CHE DOPO AVER FESTEGGIATO IN FAMIGLIA IL NATALE E SANTO STEFANO SI CONCEDONO QUALCHE GIORNO DI VACANZA .
SECONDO NELLA CLASSIFICA DEI MUSEI FIORENTINI PIU' VISITATI IN QUESTI GIORNI DI FESTA C'E' LA GALLERIA DELL';ACCADEMIA , PIU' DI SI PREVEDE COMUNQUE UN AUMENTO DI VISITATORI . MA C'E' CHI NON SI SCORAGGIA E FRA UN MUSEO E L'ALTRO TROVA IL TEMPO DI SPOSARSI.

Redazione Nove da Firenze