Toscana: più soldi per Centri antiviolenza e case rifugio

Alla nostra Regione spettano 1.414.527 euro a seguito della della ripartizione dei 30 milioni del "Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità". Barni: "Rafforzeremo i percorsi di autonomia delle vittime"


Nuove risorse per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere. Centri antiviolenza e case rifugio della Toscana potranno contare su 1.414.527 euro a seguito della della ripartizione dei 30 milioni del "Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità" per l'annualità 2019.

Le risorse serviranno a finanziare i centri antiviolenza, le case rifugio e gli altri interventi sul territorio.

"Per la Toscana è una notizia importante - commenta la vicepresidente Monica Barni - perchè rafforza le iniziative della Regione per la prevenzione, la protezione e il sostegno alle vittime di violenza. Da sottolineare il fatto che siano state inserite, tra le azioni da finanziare con le risorse dell'art. 5 L. 119/2013, le attività volte al sostegno dei percorsi di autonomia. La finalità di questi interventi è quella di non lasciare sole le donne dopo la fase acuta dell'emergenza, ma di accompagnarle verso la completa fuoruscita dalla violenza, con il pieno recupero della consapevolezza di sé e, in parallelo, di un'autonomia abitativa ed economica. Per raggiungere questi obiettivi abbiamo lavorato molto in questi anni, anche facendo ricorso a risorse proprie della Regione ed questa la direzione in cui continueremo a lavorare anche nei prossimi mesi".

Redazione Nove da Firenze