Tasse studentesche, allarme degli universitari fiorentini

L'Ateneo ha annunciato il varo di una commissione istruttoria, con la presenza anche di rappresentanti studenteschi, per revisionare l'attuale sistema di contribuzione. L'assessore regionale Barni: "Toscana in prima fila nel diritto allo studio"


(DIRE) Firenze, 15 lug. - Gli studenti universitari a Firenze lanciano l'allarme per un possibile aumento delle tasse di iscrizione all'ateneo. L'Università ha annunciato il varo di una commissione istruttoria per valutare una revisione dell'attuale sistema di contribuzione, alimentando i timori dei rappresentanti degli studenti. Preoccupazioni eccessive, tuttavia, ad avviso della vicepresidente della Regione con delega all'Università, Monica Barni: "Comprendo la preoccupazione degli studenti, ma il manifesto degli studi per il 2019-20 dell'università di Firenze è già uscito, e a tasse invariate - dichiara, in una nota - penso comunque che debba essere apprezzata la scelta dell'Ateneo di dare vita, per affrontare il tema della revisione della contribuzione studentesca, ad una commissione istruttoria mista, con la presenza anche degli studenti: offrirà l'occasione per tutti gli opportuni approfondimenti".

Sul tema delle garanzie per il diritto allo studio, prosegue, "voglio anche sottolineare un altro fatto: grazie alla ristrutturazione operata dalla Regione del sistema delle fasce di reddito per l'accesso alle borse di studio, chi rientra nella no tax area, chi ha cioè un Isee da zero a 15.000 euro, ha diritto ad una borsa più consistente". Pertanto, conclude l'assessore all'Università, "fanno bene gli studenti a impegnarsi per il rispetto del diritto costituzionale allo studio, ma la Toscana, grazie alle scelte della Regione e all'impegno di tutto il suo sistema universitario, è da sempre in prima fila in questa battaglia". (Cap/ Dire)

Redazione Nove da Firenze