Sport giovanile e dilettanti senza pubblico, ha senso?

Fabio Giorgetti (Presidente Commissione Cultura e Sport): “Le società non entrino in campo se non ad impianti sportivi aperti al pubblico”


“La decisione relativa alla riapertura, in sicurezza, degli impianti sportivi a Firenze e in tutta la Toscana non è più rinviabile ed occorre un impegno preciso da parte del Governo e della Regione Toscana per far ripartire a settembre tutto lo sport giovanile e dilettantistico. Non c’è più tempo”. Il presidente della Commissione Cultura e Sport del comune di Firenze Fabio Giorgetti è intervenuto in Consiglio comunale con una comunicazione rilanciando un appello a tutte le istituzioni per far ripartire un settore che ancora non riesce ad avere certezze per il futuro. “Non si tratta solo del calcio – ha precisato il presidente Fabio Giorgetti – ma anche degli impianti utilizzati da tutte le altre discipline, dal basket alla pallavolo, dal rugby al tennis fino alla pallanuoto ecc. Chiediamo alle istituzioni competenti di pronunciarsi entro il 5 agosto sulla riapertura al pubblico degli impianti, in sicurezza, per poter fare un passo verso la normalità e contemporaneamente aiutare le società sportive. Invitiamo tutte le società sportive a non entrare in campo, o nelle palestre o in piscina se non ci saranno decisioni chiare in merito, tenendo conto comunque dei protocolli sanitari. Si deve tornare a fare sport davanti al pubblico. Si rischia di cancellare, in un colpo, tutto un settore fondamentale per la nostra società ed un punto di riferimento per i più giovani e le loro famiglie. Sia fra i dilettanti che nel settore giovanile, la prossima stagione dovrà essere il banco di prova per tutti. Auspico – ha concluso il presidente della Commissione Cultura e Sport Fabio Giorgetti – che si possa tornare anche se, con le dovute cautele, a frequentare i nostri impianti sportivi”.

Redazione Nove da Firenze