Sopralluogo alla SR 429, procedono i lavori di completamento

Oggi sopralluogo dell'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli insieme ai sindaci di Empoli, Castelfiorentino ed ai rappresentanti della Città Metropolitana di Firenze


EMPOLI – Procedono secondo i tempi previsti, nonostante alcuni rallentamenti dovuti ad un ricorso successivamente vinto dall'Amministrazione regionale, i lavori per il completamento della nuova SR429. 

"Siamo soddisfatti – ha detto l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli - perché i lavori di completamento del V lotto stanno andando avanti non solo rispettando il cronoprogramma ma anzi, secondo il commissario Annunziati, sono addirittura in anticipo di qualche giorno. Contestualmente stanno andando avanti anche i lavori connessi, le casse di espansione del Rio Casino e del Rio Grassellino e l'impianto di sollevamento di Madonna della Tosse, tutti propedeutici alla messa in sicurezza idraulica dell'infrastruttura e di tutta la zona".

A luglio sono stati avviati i cantieri per il V lotto, da Brusciana (comune di Empoli) a Dogana (comune di Castelfiorentino), la cui conclusione è prevista per la primavera del 2019. Lo scorso 28 agosto è stata inoltre avviata la gara per il completamento del IV lotto, da Dogana alla SP Volterrana (comune di Gamabassi Terme).

Il sopralluogo ha evidenziato il rispetto del cronoprogramma, ma anche una gestione sicura e controllata del cantiere, in linea con l'accordo stretto tra la Città Metropolitana di Firenze e i sindacati edili con l'obiettivo di contrastare il ricorso al lavoro non di qualità e non rispettoso dei contratti collettivi nazionali, territoriali e aziendali e delle leggi in materia di lavoro e di salute. Questo rappresenta un elemento fondamentale come deterrente contro le infiltrazioni della criminalità organizzata, oltre a garantire maggiormente la sicurezza sul lavoro.

"Proseguono – ha detto ancora Ceccarelli - anche i lavori relativi all'appalto del IV lotto, la cui gara è stata bandita il 28 di agosto; entro l'8 di ottobre saranno presentate le offerte, quindi la commissione selezionerà il vincitore. Entro la prossima primavera contiamo perciò di veder completati i lavori del V lotto e di avere la ditta che dovrà realizzare il IV".

La delegazione che ha effettuato il sopralluogo ha visto l'esito dei lavori, conclusi, della complanare di Via Bisarna, il completamento, quasi a termine, delle rampe del cavalcaferrovia e della rotatoria di Dogana e i tre cavalcavia, completati, in località Madonna della Tosse. Per quanto riguarda il V lotto, gli amministratori hanno potuto vedere conclusi i lavori di sistemazione del rilevato stradale, degli attraversamenti idraulici, delle opere idrauliche di piattaforma. Sono invece in corso stabilizzazione a cemento e calce del sottofondo e la realizzazione di una rotatoria a Castelnuovo. Si ricorda che contestualmente alla realizzazione della variante sono in via di realizzazione l'impianto di sollevamento idraulico di Madonna della Tosse e due casse di espansione sul Rio Casino e sul Rio Grassellino.

"Contemporaneamente a tutto questo – ha aggiunto l'assessore - è aperta la conferenza dei servizi per il progetto definitivo del III lotto, tra Castelfiorentino e Certaldo: per l'estate 2019 dovrebbe esserci progetto esecutivo e l'avvio della gara. Il III lotto fino qualche tempo fa era nella programmazione ma non era finanziato; oggi invece abbiamo i 27 milioni necessari, provenienti dall'accordo raggiunto con il precedente governo per l'utilizzo dei fondi di sviluppo e coesione, quindi fondi europei che serviranno a dare una risposta importante a questo territorio. Questa – ha concluso Ceccarelli – è un'infrastruttura fondamentale per l'Empolese Valdelsa, territorio importante dal punto di vista produttivo, ma anche turistico. Sono partiti anche i lavori per la realizzazione della bretella di collegamento diretto tra la Fipili e il polo tecnologico. Il Comune di Empoli li sta portando avanti grazie anche ad un finanziamento regionale. La collaborazione tra Regione, Città Metropolitana e Comuni sta dando i risultati attesi e dimostra come ci sia forte attenzione a questo territorio e del suo sviluppo con un occhio attento alla tutela del paesaggio".

"Per il Comune di Empoli – ha detto il sindaco Brenda Barnini - questa è un'opera fondamentale per due motivi: il primo è che ci ricollega alla Valdelsa, il secondo è che libera finalmente tutte le frazioni che abitano sulla 429 da un incubo di insicurezza e di totale mancanza di vivibilità. Non avrò pace fin quando non vedrò l'opera completata. E oggi possiamo dire che non è più una speranza ma una certezza, un'opera che è risultato di un'ottima collaborazione tra Enti. Purtroppo i ritardi con cui siamo arrivati a questo momento sono stati anche il frutto, nei decenni passati, di una scarso lavoro di squadra. Per dare una svolta a questa situazione ci sono voluti un precedente Governo nazionale sensibile all'importanza di questa strada per il nostro territorio, una Regione disposta ad assumersi la responsabilità di commissariare l'opera e mettere al lavoro tutta la sua struttura, poi anche una Città Metropolitana, ente che di fatto gestisce, insieme al commissariato, le gare e gli appalti, e quindi i Comuni che hanno fatto la loro parte sollecitando gli Enti superiori con le esigenze dei cittadini, ma anche trovando delle mediazioni".

"Stiamo arrivando al termine di quest'opera – sono state le parole del sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni - e grazie a questo vedremo più lavoro nel nostro territorio. Per questi 4 anni abbiamo portato l'urgenza di una comunità che, senza questa infrastruttura, è rimasta tagliata fuori dalle principali direttrici di sviluppo della nostra Regione. La strada finalmente i cittadini la vedono crescere con i propri occhi e sta già facendo sì che tanti imprenditori mettano sul mio tavolo proposte di investimento e di rilocalizzazione a Castelfiorentino. Per noi la 429 era l'alfa e l'omega dei problemi dello sviluppo della Valdelsa e del nostro Comune. Stiamo toccando con mano cosa questa strada significa per il settore produttivo".

Redazione Nove da Firenze