Soccorso Alpino, doppio intervento in montagna sulla neve

ph Facebook Soccorso Alpino Toscano

Oggi domenica 20 dicembre sulla vetta dell'Amiata un bimbo di 5 anni si è leggermente infortunato con il bob da neve mentre nel Pistoiese piccole valanghe hanno creato problemi a un gruppo di escursionisti


Doppio intervento per i tecnici del Soccorso Alpino Toscano nel primo giorno di riapertura della regione. Ne dà notizia in prima serata sui social lo stesso Soccorso Alpino Toscano.


Il primo intervento di recupero - spiega nella sua pagina ufficiale Facebook il Soccorso Alpino e Speleologico Toscano SAST, Servizio regionale toscano del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) - ha avuto luogo stamani sulla vetta del Monte Amiata.

I tecnici del Soccorso Alpino sono stati attivati dalla centrale del 118 Siena-Grosseto per un bambino infortunatosi con il bob da neve.
Una volta raggiunto il bimbo (5 anni), che non riportava gravi lesioni a seguito della caduta, è stato recuperato ed accompagnato fino all’ambulanza che lo ha trasportato all’ospedale per accertamenti.

Il secondo intervento invece si è concluso da poco nel pistoiese, più precisamente sul Passo della Nevaia, il sentiero di cresta che porta alla vetta del Monte Gennaio (San Marcello Pistoiese).
In quella zona un gruppo di escursionisti ha sentito delle voci chiedere aiuto ma non vedendo nessuno e non riuscendo a stabilire la provenienza di questa richiesta ha deciso di allertare 112 e 118.
Il 118 ha attivato i tecnici del Soccorso Alpino della Stazione Appennino che, una volta sul posto, hanno identificato la zona di presunta richiesta ed hanno iniziato le ricerche insieme al Soccorso Alpino Guardia di Finanza perlustrando le zone caratterizzate da forte innevamento. In contemporanea, prima dell’avvicinarsi dell’oscurità, i responsabili del Soccorso Alpino presenti sul posto hanno attivato tramite la centrale 118 l’elicottero Pegaso 3. Il Tecnico di Elisoccorso del Soccorso Alpino Toscano, figura presente a bordo di tutti e tre gli elicotteri dell’Elisoccorso regionale, ha concordato con le squadre di terra luoghi e modalità di verifica. Dopo una prima perlustrazione a vista con esito negativo, il Tecnico di Elisoccorso si è fatto calare raggiungendo così i chiamanti. Infine notando un breve tratto coinvolto da valanghe ne ha effettuato la bonifica escludendo la presenza di infortunati. Nel frattempo l’elicottero ha continuato la perlustrazione nelle zone adiacenti sempre con esito negativo. Al momento non risultano segnalazioni di mancati rientri o di persone disperse e dato l’esito delle prime ricerche le attività sono state sospese.
I tecnici rimangono tuttavia in allerta per eventuali altre segnalazioni.

Redazione Nove da Firenze