Si chiude la pratica salvezza?

Domani Fiorentina-Torino, poi, in caso almeno di pareggio, si parte con i temi del mercato estivo: la permanenza in maglia viola di Chiesa?


Firenze- La sfida di domani sera contro il Torino avrà il calcio d’inizio ore 19.30. Sarà Maurizio Mariani, della sezione AIA di Aprilia, il direttore di gara.

Nel pomeriggio di oggi Belotti e compagni raggiungeranno il ritiro prepartita di Firenze, dove domani mattina si terrà la sessione di rifinitura.

All'andata, invece, si impose la squadra di Mazzarri (ancora sulla panchina granata, prima di essere sostituito da Longo) per 2-1 con le reti di Zaza, Ansaldi e Caceres. Curiosità: anche la Fiorentina, allora, era guidata da un altro allenatore (Vincenzo Montella) con l'aeroplanino che proprio all'Olimpico di Torino diresse la sua ultima gara esterna come tecnico viola. A quell'1-2 seguiranno il pareggio per 1-1 con l'Inter, e l'1-4 con la Roma (entrambi casalinghi), prima di essere esonerato e sostituito da Beppe Iachini.

Se il risultato di domani fosse almeno un pareggio, la Fiorentina raggiungerebbe quota salvezza e estinguerebbe i patemi che l'anno accompagnata per tutto il campionato. Da lunedì comincerebbe la costruzione della nuova squadra, che parteciperà alla prossima stagione di Serie A, che dovrebbe avere inizio il 12 settembre.

Il nome di Federico Chiesa sarà sicuramente uno dei più gettonati nel calciomercato. Non è un mistero che l’attaccante della Nazionale sia nel mirino di moltissime squadre, italiane e non, che vorrebbero beneficiare delle doti del figlio dell’ex bomber. La Juventus vorrebbe strappare, dopo Baggio e Bernardeschi, l’ennesimo gioiello alla Fiorentina. Da non sottovalutare nemmeno l’Inter che vorrebbe continuare con la sua politica di una squadra giovane e piena di azzurri: l’attuale numero 30 viola al fianco di Barella, Sensi e, forse dal prossimo anno Tonali. Occhio però ai top team europei. Il Manchester United, che ha in programma una mezza rivoluzione, appare davanti alle big spagnole: Barcellona, Real e Atletico.

Redazione Nove da Firenze