Ruba uno scooter, poi chiede il riscatto: arrestata per estorsione

Una telefonata informa la vittima del furto, servono soldi per riavere lo scooter


I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze hanno tratto in arresto una cittadina fiorentina classe ’77, per il reato di estorsione. Le indagini dei militari dell’Arma sono state avviate immediatamente dopo la ricezione della denuncia da parte della vittima, la quale il 29 giugno aveva subito il furto di uno scooter Yamaha T-Max a Firenze, Piazza dell’Isolotto, ed era stata successivamente contattata telefonicamente da una donna, la quale aveva riferito di conoscere gli autori del furto ed il luogo dove il motoveicolo era stato portato, richiedendo la consegna della somma di 200 euro per la restituzione.

Messi a conoscenza dei fatti e dell’appuntamento per effettuare lo scambio, gli operatori hanno predisposto un servizio di osservazione, in abiti borghesi, presso un bar di piazza Paolo Uccello, luogo in cui sarebbe avvenuto l’incontro.

I militari sono intervenuti nel preciso istante in cui la donna ha preso in mano i soldi e quindi si è concretizzato l’ingiusto profitto frutto dell’estorsione. Il denaro è stato restituito all’avente diritto e lo scooter è stato recuperato. La donna è stata dichiarata in stato di arresto e tradotta presso il carcere di Sollicciano.

Redazione Nove da Firenze