Rapina in via Degli Strozzi: catturato dalla Polizia di Stato

La Polizia di Comunità ferma ladro di bici in centro


Ieri 24 luglio 2020 la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di applicazione di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Firenze nei confronti di un uomo di 32 anni di origine marocchina per il reato di rapina aggravata in concorso. Era il 21 ottobre 2019 quando una ragazza si trovava intorno a mezzanotte nelle vie del centro di Firenze, in Via Degli Strozzi, in compagnia di due amiche. Mentre la ragazza era intenta a guardare la vetrina di un negozio, si è sentita tirare da dietro la borsa, quindi voltandosi si è trovata dinanzi un uomo che, in lingua inglese, le ha intimato di dargli la borsa che teneva a tracolla, ma non si è fatta intimidire. La vittima ha stretto a sè la borsa ed è stato allora che l’uomo l’ha strattonata con violenza per poi tagliare il laccio della tracolla con un coltellino per poi iniziare a correre. Pochi metri dopo lo attendeva un complice a bordo di uno scooter sul quale il rapinatore è salito con un balzo ed i due sono fuggiti. Il punto di partenza delle indagini della Sezione Antirapine della Squadra Mobile sono state le telecamere cittadine di videosorveglianza che hanno permesso ricostruire la scena. Individuata la targa del motorino e sentiti i diversi testimoni presenti al fatto è stata poi l’attività info investigativa e l’attenta conoscenza del territorio che ha fatto il resto: qualche giorno dopo il fatto sul motociclo è stato controllato il 32enne di origine marocchina che ha dimostrato come il mezzo, risultato rubato, fosse in suo uso. Riconosciuto come l’autore della rapina, anche delle immagini, la Procura del Capoluogo Toscano ha fatto proprie le risultanze dell’indagine e chiesto al GIP di Firenze la custodia cautelare per il 32enne. Nella giornata di ieri la Squadra Mobile lo ha rintracciato nel primo pomeriggio nel centro di Firenze e associato a Sollicciano.

Giovedì mattina la Polizia Municipale è intervenuta in centro sedando un diverbio nato per il furto di una bicicletta tra proprietario e presunto ladro. La pattuglia è stata allertata da un passante e arrivata sul posto ha visto un cittadino peruviano che stava impedendo a un uomo in bicicletta di allontanarsi, intimandogli di restituirgli il mezzo. Ma senza successo tanto che il proprietario ha chiesto aiuto alla pattuglia. Alla richiesta dei documenti il presunto ladro ha iniziato ad agitarsi tanto che gli agenti l’hanno accompagnato presso gli uffici del Reparto. Qui è stato identificato come S.T., cittadino di origine somala, ed è stata ricostruita la vicenda. Il proprietario aveva lasciato la bici in via Panzani da dove era stata sottratta da S.T. che l’aveva poi utilizzata per andare in giro in centro. Il proprietario, resosi conto del furto, si era messo alla ricerca del mezzo e casualmente l’aveva visto condotto da S.T.. Era quindi riuscito a fermarlo e a trattenerlo fino all’intervento della Polizia Municipale. Per l’uomo è scattata la denuncia per furto.

Redazione Nove da Firenze