La Polizia di Stato sequestra sei chili e mezzo di hashish sotterrati alle Cascine

Anche Piper, il cane antidroga della Municipale ha scovato quasi 90 grammi di cannabis interrati sotto una siepe. Nel pomeriggio arrestato anche un 25enne marocchino a Rifredi per detenzione ai fini di spaccio di droga


Sono ben sei e mezzo i chili di hashish scoperti e sequestrati nella tarda mattinata di ieri dalle Unità Cinofile della Questura di Firenze alle Cascine. I cani antidroga “Amper” e “Eviva” hanno scovato l’ingente quantitativo di stupefacente nascosto sotto terra lungo l’argine del Fosso Macinante. La droga, suddivisa complessivamente in 64 tavolette, avrebbe potuto fruttare sul mercato illecito degli stupefacenti oltre 40.000 euro.

Proseguono anche gli interventi della Polizia Municipale contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri intorno alle 11 una pattuglia ha effettuato un controllo di routine nel parco delle Cascine insieme a Piper, il primo cane anti droga della Polizia Municipale. Nel tratto fra viale degli Olmi e viale della Catena, il cane ha fiutato la presenza di sostanze stupefacenti. E infatti, interrato sotto la siepe nei pressi della piramide, è stato rinvenuto un grosso pacco avvolto nella pellicola trasparente. All’interno quasi 90 grammi di cannabis, probabilmente attesa di essere spacciati dai pusher della zona. La sostanza è stata sequestrata.

Ieri pomeriggio, invece, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, la Polizia di stato ha arrestato a Rifredi un cittadino marocchino di 25 anni. Il giovane, fermato durante un controllo in un giardino di via Alderotti, ha subito consegnato agli agenti poco più di 8 grammi di hashish. La Polizia è andata comunque a fondo nella vicenda ed ha controllato anche il suo furgone dal quale sono saltati fuori 37 grammi di cocaina e materiale da taglio. L’uomo è stato trovato in possesso anche di oltre 1400 euro in contanti.

Redazione Nove da Firenze