Oggi 17 gennaio S. Antonio Abate: benedizioni in streaming degli animali domestici

S. Antonio Abate, Zurbaràn 1663 (particolare)

Per le restrizioni Covid


Oggi 17 gennaio la Chiesa cattolica festeggia Sant'Antonio Abate, protettore degli animali domestici e anche di macellai, salumai, norcini, canestrai.

Come riporta Wikipedia:

Santo Antonio abate, detto anche sant'Antonio il Grande, sant'Antonio d'Egitto, sant'Antonio del Fuoco, sant'Antonio del Deserto, sant'Antonio l'Anacoreta (in greco antico: Ἀντώνιος, Antṓnios, in latino: Antonius, in copto: Ⲁⲃⲃⲁ Ⲁⲛⲧⲱⲛⲓ; Qumans, 12 gennaio 251deserto della Tebaide, 17 gennaio 356), è stato un abate ed eremita egiziano, considerato il fondatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati.

A lui si deve la costituzione in forma permanente di famiglie di monaci che sotto la guida di un padre spirituale, abbà, si consacrarono al servizio di Dio. La sua vita è stata tramandata dal suo discepolo Atanasio di Alessandria. È ricordato nel Calendario dei santi della Chiesa cattolica e da quello luterano il 17 gennaio, ma la Chiesa ortodossa copta lo festeggia il 31 gennaio che corrisponde, nel suo calendario, al 22 del mese di Tobi.

Per le restrizioni Covid quest'anno la tradizionale benedizione degli animali in alcune parrocchie è organizzata on line.

Redazione Nove da Firenze