Rubrica — Spettacolo

Move Social: tre giorni per vivere il parco della Ambrogiana

Move Social, a Montelupo un fine settimana di laboratori, giochi, incontri, musica e sport "per una comunità solidale"


Torna nei giorni 8-9 settembre Move Social 2018, evento ideato e organizzato dalla delegazione Cesvot di Empoli, con la collaborazione del Comune, per avvicinare i cittadini alle associazioni del territorio.

Durante la due giorni, oltre agli stand delle associazioni con mostre, laboratori, video e giochi, tante iniziative, come la grande "Cena nel Parco" organizzata dalla cooperativa sociale Pegaso che si svolgerà sabato 8 settembre e il cui ricavato andrà a finanziare una borsa lavoro per un giovane con disabilità, come la MoveSocial Dance, lo spettacolo a cura delle scuole e delle associazioni di danza del territorio.

E poi domenica mattina in programma il trekking alla scoperta di Montelupo Fiorentino (un percorso di 7 Km) e la biciclettata verso Villa Romana del Vergigno. Nel pomeriggio tanto sport, musica e incontri e una partita di pallavolo contro la violenza sulle donne promossa dall'associazione Psicologi per i Popoli.

Sarà una grande festa all'insegna della solidarietà, del divertimento e dello sport e un'importante occasione per le associazioni di volontariato di presentarsi alla comunità. L’inaugurazione è in programma sabato alle 16 con l’apertura degli stand delle diverse anime del volontariato empolese.


È possibile seguire l’iniziativa anche sui social network con #volontarisidiventa.

“Giunto alla quarta edizione, il Move Social è un appuntamento consolidato, un’opportunità per conoscere da vicino il panorama dell’associazionismo nell’Empolese e valdarno inferiore - dichiara Andrea Panelli, presidente di Cesvot Empoli - Quest’anno siamo cresciuti con più sport, più eventi, più sensibilizzazione per rappresentare al meglio la nostra comunità solidale”.

“Move Social sarà anche sport e danza, grazie alle tante associazioni di Montelupo che operano in questo settore. Si potranno provare tante attività diverse, soprattutto per i ragazzi; lo spettacolo di danza sarà il piatto forte della cena nel parco; infine la domenica, una partita di pallavolo così speciale non l’avete sicuramente mai vista o partecipata”, afferma l’assessore allo sport e all’associazionismo, Simone Focardi.

In attesa di Move Social, venerdì 7 settembre dalle ore 18.00 Fool Park – Volume 1.


Un evento che si rivolge ai ragazzi più giovani del territorio, con la volontà di proporre il parco come luogo “sano” in cui trascorrere il tempo e divertirsi.

L’occasione nasce dalla scelta dell’amministrazione comunale di restaurare le torrette e l’area adiacente ad essa, danneggiata dai ripetuti interventi dei vandali. Dopo il restauro sono stati chiamati quasi 20 writers provenienti da tutta Italia e anche dalla Spagna a realizzare i loro murales.

I writers sono: Forma, Muz, Freddy Pills, Soez, Duke1, Leonardo Borri, Miles, Rmogrl8120, Bons, Swen, Stelleconfuse, Sardo, Neuro1, R36, Du lire, Giada Matteoli, Otti Teksetter, Incursioni Decorative.

Da questo spunto è nata l’idea di organizzare un evento rivolto ai ragazzi del territorio con attività e iniziative che riflettano il loro gusti e interessi.

È così che sul palco si alterneranno dj e musicisti a partire dalle ore 18.00 fino alle 1.00 di notte: Faster & Fares, Onini & Otas, Classic Method, K2Kombo, Young Rascalz, Avanzi Di Paese, Kani Toscani, Formiche Soldato Click, HARDWORKERS (Roy Zen & Thai Smoke), DJ Berna sui tecnici, Hosted by Kronos

Nella stessa sera saranno presenti anche stand, mercatino vintage, laboratori, spazio ristoro a cura dell’Arci.

Fool Park è promosso dall’amministrazione comunale assieme alla Cooperativa Indaco e all’associazione Auser.

“Il parco dell’Ambrogiana per i ragazzi. È questo il primo messaggio che vogliamo dare con Fool Park. Uno spazio da vivere, di cui godere e nello stesso tempo da rispettare. Da qui l’idea di coinvolgere writers famosi nella realizzazione delle loro opere sulle torrette. Dato il successo che hanno avuto a suo tempo i murales sulle torrette, l’idea era quella di fare nuovi murales (i vecchi ormai cadevano a pezzi).

Tuttavia qualsiasi writer sa benissimo che non si può disegnare un murales sopra un murales più vecchio (specialmente se questo è del tutto scrostato), ma è necessario riverniciare prima il muro. Per realizzare delle nuove opere sulle torrette abbiamo dovuto per forza ripulire tutte le pareti”, afferma l’assessore alle politiche giovanili, Simone Londi. 

Redazione Nove da Firenze