Rubrica — Fiorentina

L'interminabile venerdì di Rocco

La giornata della presentazione ufficiale si è conclusa con un altro bagno di folla, in centro a Firenze, davanti all'hotel dove Commisso, neo patròn della Fiorentina, pernotta


Si potrebbe chiamare l'interminabile venerdì di Rocco. Il giorno della presentazione ufficiale si è concluso con un'altra marea di selfie, abbracci, battute, all'insegna di un calore che il neo patròn della Fiorentina forse non si aspettava ma di certo ha gradito.


La platea della sera era davanti all'Hotel Savoy, in piazza della Repubblica, dove Commisso pernotta durante questi giorni fiorentini.
Per molti minuti, senza tregua, Rocco (come ama farsi chiamare) è stato letteralmente sommerso dall'affetto dei tifosi viola che passavano di lì. Tutti volevano farsi il selfie con lui, che non si è negato.

Una disponibilità assoluta, tanto rara quanto importante per creare il clima giusto attorno alla sua società. Perché Firenze aveva bisogno proprio di questo, un po' di calore. E Commisso lo sa.

Con lui il braccio destro Joe Barone e Giancarlo Antognoni, anche lui oggetto di insistenti richieste di selfie. Perché a Firenze la sua luce non tramonterà mai. E anche questo, Rocco lo sa.

Fiorentina — rubrica a cura di Antonio Patruno

Antonio Patruno

Antonio Patruno — Giornalista professionista. Ha lavorato a La Nazione e poi alla redazione del Giornale della Toscana. Ha studiato Lettere classiche all'Università degli Studi di Firenze

E-mail: nove@nove.firenze.it