Economia e turismo, ecco il piano di Firenze per il rilancio

Ok dal Consiglio comunale alla risoluzione della Lista Nardella. “Fondi strutturali per emergenza Covid e linea di bilancio Ue per le città. Tax credit per spese relative a viaggi e cultura, voucher e sostegno a digitale; campagna di comunicazione da portare avanti assieme alla Regione"


Permettere l’utilizzo dei fondi strutturali europei non impegnati per far fronte all’emergenza Covid e introdurre una linea di bilancio nel prossimo Quadro finanziario pluriennale comunitario per sostenere le città nel rilanciare l’economia e l’occupazione con progetti anche infrastrutturali di lungo periodo. Introdurre una tax credit, un credito d’imposta, decrescente per fasce di reddito, sulle spese effettuate nel 2020 per pernottamenti, pasti, pacchetti turistici, attività culturali; destinare una parte del Fondo Nazionale Innovazione all’economia digitale anche in ambito turistico; stimolare i fondi di investimento con capitale pubblico e provato a emettere bond per finanziare le imprese turistiche in questo anno di transizione; varare rapidamente un “voucher turistico”, uno strumento prepagato attraverso un finanziamento statale, con un massimale in pernottamenti, pasti, pacchetti turistici, attività culturali; integrare nella task force governativa inerente la riapertura anche gli esperti del settore turismo. Sollecitare il Governo a queste iniziative ma anche ideare e portare avanti assieme alla Regione una campagna di comunicazione a livello nazionale e internazionale che evidenzi le misure a contrasto dell’emergenza Covid nonché i punti forti dell’offerta turistica cittadina: è ciò a cui invita sindaco e giunta una risoluzione proposta dalla lista Nardella a Palazzo Vecchio e approvata nella seduta odierna del Consiglio comunale.

“Con questo atto proponiamo una serie di misure, in parte già in fase di elaborazione, che possano essere sottoposte ai vari livelli, a nostro avviso utili a uscire dalla crisi economica post pandemia. – hanno spiegato i consiglieri comunali lista Nardella Mimma Dardano e Marco Del Panta - Siamo partiti da un punto di vista internazionale evidenziando il ruolo decisivo dei fondi europei e l’esigenza fondamentale di un loro uso corretto ma anche di un ripensamento delle priorità alla luce del contesto attuale, considerando che è adesso in corso il negoziato sul Quadro finanziario pluriennale dell’UE. Da lì la richiesta di utilizzare fondi strutturali non impegnati per fronteggiare l’emergenza e introdurre una linea di bilancio mirata a sostegno delle città come già sottolineato dal sindaco. Nell’ottica di tutelare l’economia cittadina particolare attenzione riveste il settore turistico, che pesa per circa il 15% sull’economia metropolitana. Riteniamo che la crisi post pandemia debba inevitabilmente portarci a ripensare modello di sviluppo non solo e non necessariamente basato sul turismo, ma in ogni caso orientato a un turismo di qualità. Va in questo senso il progetto di cui già si discute dei voucher turistici, da calibrare a livello metropolitano per promuovere anche itinerari meno battuti e non scontati. È ovvio che dovremmo fare uno sforzo di comunicazione notevole per tornare ai livelli turistici pre Covid. Così abbiamo invitato la Giunta anche a costruire di concerto con la Regione Toscana una campagna di comunicazione in primo luogo per far conoscere le misure prese a contrasto dell’emergenza, che hanno portato a una diffusione del contagio di entità minore rispetto a altre parti d’Italia, e successivamente per valorizzare i punti di forza della nostra offerta turistica, a livello cittadino e regionale”.

Redazione Nove da Firenze