Rubrica — Pugilato

Donne in Guardia: corsi di difesa personale in tutta Firenze

Dario Nardella: “L'obiettivo è di coinvolgere 1.000 donne nei prossimi sei mesi”


Donne in Guardia, il progetto partito dal Quartiere 4, nato da un'idea della presidente della Commissione sport del quartiere 4 Barbara Felleca, si estende a tutta Firenze.

E' stato lo stesso sindaco Dario Nardella, con l'assessore allo sport Andrea Vannucci, l'assessora alle pari opportunità Sara Funaro, il presidente del quartiere 4 Mirko Dormentoni, il presidente del Combat Lab di Firenze Paolo Morelli e la campionessa mondiale di kickboxing Gloria Peritore a presentare i prossimi dieci appuntamenti. Il progetto consiste in vari seminari sulla difesa personale femminile ma va molto oltre l'insegnamento di tecniche di arti marziali e di sport da combattimento. Durante questi corsi viene insegnato come prendersi cura del proprio corpo mantenendosi in forma ed efficienti. Questo perché una persona in forma fisicamente ha più possibilità di difendersi o di riuscire a scappare in caso di aggressione e ha meno probabilità di diventare vittima di qualsiasi tipo di abuso. Inoltre, con la collaborazione di uno psicoterapeuta vengono insegnate tecniche di gestione dell'ansia e di rilassamento, questo perché in caso di aggressione la paura potrebbe portare alla paralisi della vittima e alla conseguente incapacità di difendersi. Si tratta di un concetto di difesa personale a 360 gradi che non trascura nessun aspetto delle strategie difensive. In più, il mantenimento di un certo stile di vita, sano e improntato sulla cura di se stessi, sia dal punto di vista fisico che mentale, oltre a proteggere le donne da eventuali malintenzionati, rappresenta una protezione nei confronti delle malattie, delle dipendenze e di altri possibili eventi traumatici.

“L'obiettivo di Donne in guardia – ha detto in sindaco Nardella – è di arrivare a coinvolgere 1.000 donne nei prossimi sei mesi. E' necessario porre massima attenzione anche all'aspetto psicologico, le donne hanno bisogno di sentirsi sicure. La replica del progetto su tutta la città ci rende orgogliosi perché troppo spesso si parla della sicurezza in modo banale: la questione della violenza contro le donne è molto complessa, chiama in causa la nostra società civile, le famiglie, la scuola e la comunità”. Il sindaco ha ricordato il caso di Michela Noli, la donna uccisa dall'ex marito all'Isolotto, affermando che è bello che “il progetto sia nato nel suo quartiere”.

“Non si tratta solo di autodifesa – ha precisato Andrea Vannucci – perché questo progetto lascerà un segno positivo nella vita della nostra città, perché punta a rafforzare la sicurezza nei propri mezzi”.

“Un'iniziativa – ha aggiunto Sara Funaro – che s'inserisce in tutte quelle azioni che il Comune sta svolgendo in tema di prevenzione dando la possibilità alle donne di prendere consapevolezza di quelli che sono i propri limiti e le proprie potenzialità”.

Hanno aderito al progetto, ospitando uno dei seminari in questione, il Bhge Nuovo Pignone, la Telecom di Firenze, la Sof Spa e altre aziende hanno chiesto di essere inserite nel programma. In più, due Scuole fiorentine, Il Buontalenti e l'Elsa Morante, ospiteranno due eventi ciascuna. La prima data utile aperta a tutti è il 10 novembre alle ore 10 presso il Palazzetto del Filarete in via del Filarete, poi l'evento aperto verrà replicato il primo dicembre presso il Palamattioli in via Benedetto Dei alle ore 15 e verrà organizzata anche una giornata presso la sede del Combat Lab il 15 dicembre alle ore 12. I corsi sono gratuiti.

Questo il calendario completo: 6 novembre ore 10.00 Scuola Buontalenti; 10 novembre Palazzetto Filarete ore 10.00; 12 novembre ore 9.00 Scuola Elsa Morante; 15 novembre ore 12-13.30 Sof Spa; 21 novembre ore 12-14 Nuovo Pignone; 26 novembre ore 9.00 Scuola Elsa Morante; 27 novembre ore 10.00 Scuola Buontalenti; 29 novembre ore 15.00 Azienda Telecom; 1 dicembre Palazzetto Palamattioli ore 15.00; 15 dicembre presso la sede Combat Lab.

Informazioni ed iscrizioni presso la pagina Facebook di Combat Lab, presso la sede in via Mortuli, 11 oppure presso la sede del quartiere 4 in via delle Torri, 23. Tel: 055 2767108.

Redazione Nove da Firenze