Rubrica — Motori

Crazyrun: un'avventura di 2 giorni fra Emilia e Toscana attraverso un percorso di regolarità a tappe

Domani a Firenze dalle 15:00 la sfilata delgli 80 equipaggi partecipanti alla sesta edizione nello straordinario scenario di Piazzale Michelangelo


Arriveranno a Firenze, nello straordinario scenario di Piazzale Michelangelo, gli 80 equipaggi partecipanti alla sesta edizione della Crazyrun, un'avventura della durata di 2 giorni fra Emilia e Toscana che si svolge attraverso un percorso di regolarità a tappe.

In un mondo dove tutto è perfettamente regimato da navigatori GPS ed agende elettroniche, Crazyrun si pone l'obiettivo di riportare i partecipanti a vivere emozioni dimenticate come, semplicemente, perdersi. Lo staff infatti fornisce soltanto l’indirizzo di partenza e, di volta in volta, gli indizi necessari per raggiungere i successivi checkpoint. Ai partecipanti è demandato il compito di decifrare l'indizio fornito e scegliere il tragitto per raggiungere il successivo checkpoint. Quest'anno ci saranno 5 prove il sabato e 5 prove la domenica.

In passato sono stati tanti i partecipanti che hanno stupito spettatori e giuria con i loro travestimenti eccentrici, tra gli altri: i possessori di una Bentley Le Mans del 1929 travestiti da vichinghi, una Porsche Carrera GT con adesivi dei Flinstones travestiti da Fred e Wilma oltre a molti altri.

L’appuntamento a Firenze è domenica 13 maggio, con la sfilata dei partecipanti in arrivo che inizierà dalle 15.

Il party di arrivo, che si ricorda essere aperto al pubblico e a tutti i simpatizzanti Crazyrun, prevede ancora un parco chiuso per poter osservare e fotografare le auto in gara, in attesa della consegna dei premi, anche quest'anno rappresentati da vere e proprie opere d'arte realizzate con sapienza da Luxury Paint.

Redazione Nove da Firenze