Coronavirus: supermercati e farmacie danno accesso privilegiato agli anziani?

A Campi Bisenzio mascherine distribuite a chi fa la spesa davanti alla Coop


Supermercati e farmacie possono stabilire un accesso privilegiato ai soggetti più vulnerabili all'infezione da coronavirus, in particolare gli anziani e i portatori di handicap: salta-coda, code specifiche con priorità di accesso, fasce orarie. Stesso discorso per gli esercizi commerciali ancora aperti, anche se le code le abbiamo viste essenzialmente nei supermercati. Già queste persone rischiano la salute e la vita molto più di tutti gli altri quando sono costrette ad uscire per fare la spesa e andare in farmacia, ma è disumano lasciare anziani con difficoltà motorie, o portatori di handicap in piedi per ore prima di poter comprare ciò che serve.

Intanto un aiuto per fare la spesa in sicurezza arriva dalla comunità cinese di Campi Bisenzio. Questa mattina davanti al Coop.Fi di via Buozzi a Campi Bisenzio, fra le persone in fila per fare la spesa, è partita la distribuzione di mascherine. L'iniziativa promossa dai cittadini cinesi del territorio aiuta a tutelare ancora di più soci e clienti della Cooperativa, che usufruiscono di un servizio essenziale come quello dell'approvvigionamento di generi alimentari e di prima necessità anche nell'emergenza Coronavirus. Gli ingressi ai punti vendita della Cooperativa, che da questa settimana chiudono tutti i giorni alle 20 e resteranno chiusi domenica 22 e 29 marzo, sono contingentati per evitare assembramenti all'interno del punto vendita. Unicoop Firenze ha inoltre diffuso un vademecum per la spesa sicura.

"Purtroppo -afferma Elisa Montemagni, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega- giungono segnalazioni che le tabaccherie della nostra Regione, continuano ad essere frequentate specialmente da anziani, desiderosi di proseguire a giocare al lotto o alle slot." "Ci appelliamo a loro-prosegue il Consigliere- affinchè evitino tassativamente di uscire di casa perchè il Coronavirus, ormai è appurato, è particolarmente letale per chi si trova in un'età avanzata." "E' chiaro che le normali abitudini siano difficili da eliminare rapidamente-precisa l'esponente leghista-ma in questo momento, per preservare la nostra ed altrui salute, è doveroso fare qualche piccolo sacrificio." "Quindi -sottolinea Montemagni- auspico che gli stessi esercenti facciano opera di convincimento presso i propri affezionati clienti, al fine d'indurli a non uscire di casa." "Ci sarà sicuramente tempo, poi-conclude la rappresentante del Carroccio-per tentare, per chi vorrà, nuovamente la fortuna al gioco; al giorno d'oggi, essere davvero fortunati, almeno a nostro avviso, significa non essere contagiati dal Coronavirus"

Redazione Nove da Firenze