Coronavirus: in arrivo 8mila mascherine per le carceri toscane

Sono state destinate dal Ministero della Giustizia al Provveditorato di Firenze che le smisterà in tutta la regione. E ne giungeranno altre dalla Protezione civile


(DIRE) Roma, 11 mar. - Si sono concluse nella serata di ieri le ultime manifestazioni di protesta che erano in corso a Trapani e Foggia. Nella mattinata di oggi non si registrano disordini in alcun istituto, ma solo sporadici episodi di battitura delle inferriate e di rifiuto del vitto da parte dei detenuti. Così una nota del ministero della Giustizia. Un detenuto che ha partecipato alla rivolta di due giorni fa nel carcere di Rieti è stato urgentemente trasportato nella notte presso l'ospedale cittadino 'San Camillo De Lellis' per "intossicazione da psicofarmaci (benzodiazepine)". 

Le circa 100.000 mascherine che arriveranno negli istituti penitenziari sono in fase di smistamento ai Provveditorati e saranno cosi' distribuite: 5.800 al Provveditorato di Bari, 7.000 a Bologna, 3.500 a Cagliari, 4.000 a Catanzaro, 8.000 a Firenze, 10.800 a Milano, 10.000 a Napoli, 6.200 a Padova, 9.500 a Palermo, 14.500 a Roma e 10.200 a Torino.

Settecento saranno inoltre destinate alla Direzione Generale della Formazione per le scuole sul territorio e 7.000 al Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità (950 al Centro Giustizia Minorile di Bari, 300 a Cagliari, 650 a Palermo, 1.400 a Roma, 2.000 a Torino e 1.700 a Treviso).

Inoltre, la Protezione Civile ha inserito anche le carceri fra i destinatari del milione di mascherine che sono in distribuzione sull'intero territorio nazionale. (Vid/ Dire)

Redazione Nove da Firenze