Chiesa alla Juve, i dettagli (ma Coverciano non è una città)

La curiosità: nel sito ufficiale bianconero un evidente errore di geografia. Il piccolo paese è definito una città mentre è solo una frazione di Firenze


Con un comunicato ufficiale, la Juventus chiarisce i dettagli dell'accordo con la Fiorentina per l'approdo di Federico Chiesa in bianconero. Spiegando la carriera dell'ex talento viola, però, incorre in un piccolo errore di geografia...

"Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver raggiunto un accordo con la società ACF Fiorentina per l’acquisizione, a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2022, del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Federico Chiesa a fronte di un corrispettivo di € 10 milioni, di cui € 3 milioni per la stagione sportiva 2020/2021 e € 7 milioni nel corso per la stagione sportiva 2021/2022. Inoltre, l’accordo prevede:

• L’obbligo da parte di Juventus di acquisire a titolo definitivo le prestazioni sportive del giocatore al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi nel corso della stagione 2021/2022;

• La facoltà da parte di Juventus di acquisire a titolo definitivo le prestazioni sportive del giocatore qualora detti obiettivi non fossero raggiunti.

Il corrispettivo pattuito per l’acquisizione definitiva, in entrambi i casi, è pari a € 40 milioni, pagabili in tre esercizi, e potrà essere aumentato, nel corso della durata del contratto di prestazione sportiva con il calciatore, per un ammontare non superiore a € 10 milioni al raggiungimento di ulteriori obiettivi".

LA CARRIERA

Nato a Genova il 25 ottobre 1997, Federico muove i primi passi calcistici nella Settignanese, squadra di Coverciano, passando alla Fiorentina all'età di 10 anni. Coverciano e Firenze sono le sue città: nella prima tornerà per rispondere alla chiamata della Nazionale, nel capoluogo toscano cresce giorno dopo giorno, dando il massimo in ogni allenamento e in ogni sfida, prima nel settore giovanile, poi in Prima Squadra, con cui esordisce il 20 agosto 2016. In pochissimo tempo diventa un elemento insostituibile, collezionando 137 presenze in Serie A, più di qualsiasi altro giocatore viola in quel periodo, guadagnandosi, come detto, anche la maglia dell'Italia. Ora, la chiamata della Juventus e l'aggiunta, nella mappa della sua carriera, di una terza città: da oggi, Torino è casa sua. Per scrivere insieme pagine importantissime.

IL PROFILO

Velocità fulminante, spesso semplicemente incontenibile per gli avversari, Chiesa ha colpito fin dalle sue prime apparizioni per la sua capacità nell'uno contro uno, tanto da essere, dalla stagione 2016/17, con 553 dribbling, tra i migliori della massima serie in questo fondamentale. Dall'inizio della scorsa stagione sono sette gli assist all'attivo e 11 le reti messe a segno, con 18 partecipazioni ai gol, più di qualsiasi compagno. Tra i giocatori di movimento con almeno 120 presenze in Serie A, inoltre, Federico è il più giovane, segno di una capacità di bruciare le tappe. Di corsa, come in campo, verso nuovi obiettivi, da puntare ora con la nostra maglia.

Benvenuto in bianconero, Federico!".

Però, per amore della verità, Coverciano non è una città ma una frazione di Firenze. Coverciano è Firenze, fa parte del Comune gigliato. Quindi Torino è la terza città di Chiesa solo perché Federico è nato a Genova.

Genova, Firenze, Torino. Coverciano è Firenze.

Redazione Nove da Firenze