Caldo: limitato il consumo di acqua per salvaguardare il torrente Pesa

Sono previste sanzioni che vanno da 100 a 500 euro


Fino a poco tempo fa l’acqua scorreva in Pesa e dopo tanti anni per quasi tutto il mese di giugno il greto del torrente non era in secca.

Il caldo delle ultime settimane, tuttavia, ha cambiato drasticamente la situazione, creando in generale problemi per l’approvvigionamento dell’acqua.

Per questa ragione nei giorni scorsi il vice sindaco ha firmato un’ordinanza finalizzata a razionalizzare il consumo idrico.

Su tutto il territorio comunale è vietato usare l’acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico domestici.

In pratica, per fare qualche esempio, l’ordinanza vieta l'innaffiamento di prati e giardini o il lavaggio della propria autovettura oppure anche il riempimento di piscine o altri bacini, con acqua proveniente da acquedotto.

Per coloro che violano le limitazioni sono previste sanzioni che vanno da 100 a 500 euro.

Redazione Nove da Firenze