Bekaert: lunedì 11 presidio sotto la prefettura

La Fiom Cgil Firenze vuole garanzie sulla reindustrializzaione. Filctem Cgil e Femca Cisl esprimono preoccupazione anche per il futuro dei lavoratori e dei siti produttivi della Roberto Cavalli di Sesto Fiorentino. Delegazione dei lavoratori Car Fiat ricevuti in Commissione Lavoro. Supermaglia-Cose di Lana: la Regione convocherà le parti


FIRENZE- Un presidio per ricordare a tutti che 252 lavoratori Bekaert sono ancora in attesa di notizie riguardo il processo di reindustrializzazione dello stabilimento e del pagamento della cassa integrazione, reintrodotta ma ancora non autorizzata dall'Inps. In vista dell'incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, convocato il 28 marzo prossimo, la Fiom Cgil di Firenze promuove un presidio sotto la Prefettura di Firenze (Via Cavour, 1) lunedì 11 marzo dalle 10.30 alle 12.30. Alle 12.15 una delegazione di lavoratori accompagnata dal Segretario Generale della Fiom Cgil, Daniele Calosi, sarà ricevuta dal Prefetto.

C'é grande apprensione tra i lavoratori alla Roberto Cavalli di Sesto Fiorentino: e anche i sindacati esprimono forte preoccupazione per il futuro dei lavoratori e le lavoratrici dei siti produttivi di Firenze e Milano. Da mesi si leggono sui quotidiani notizie più o meno preoccupanti sul futuro e soprattutto sugli ipotetici scenari di cessioni che potrebbero mettere in discussione anche il carattere industriale dell'azienda. A questo clima di incertezza si aggiunge la difficoltà di tenere un confronto utile per effetto della mancanza di chiarezza sulle decisioni assunte dalla proprietà . Se é vero che qualche elemento aggiuntivo sul futuro dovrebbe arrivare dall'assemblea dei soci che - salvo rinvii - dovrebbe tenersi il 13 marzo, è fondamentale che, da parte della proprietà, venga fatta chiarezza sul piano industriale e sui suoi riflessi sui lavoratori. Per il sindacato questa situazione di incertezza non può proseguire. Se non arriveranno le risposte richieste l'azione del sindacato non potrà che intensificarsi.

Incontro in Commissione Lavoro in merito alla situazione occupazionale all'interno dell'azienda Car Fiat, mercoledì scorso. “Un incontro proficuo – sottolinea il presidente della Commissione Lavoro Cosimo Guccione – dove è stata analizzata, con attenzione la situazione dell'azienda. L'obiettivo è di scongiurare i 24 licenziamenti prospettati, cercare di trovare una soluzione che tuteli i posti di lavoro e garantire pienamente la prosecuzione dell'attività della concessionaria auto a Firenze. Abbiamo già chiesto un incontro in Commissione alla proprietà – conclude il presidente Cosimo Guiccione – per continuare a seguire da vicino la vicenda altrimenti coinvolgeremo direttamente Fiat per tutelare i lavoratori”.

La Regione sta lavorando per convocare un incontro con i curatori aziendali, le organizzazioni sindacali e le istituzioni per affrontare la vicenda dell'azienda Supermaglia/Cose di lana di San Sepolcro, cui il giudice ha recentemente negato la proroga del contratto di affitto, dopo il fallimento della Cose di Lana spa. Ne dà notizia il consigliere del presidente per il lavoro Gianfranco Simoncini, dopo aver sentito il sindaco Mauro Cornioli e le organizzazioni sindacali.

Redazione Nove da Firenze