Avanti in Coppa Italia con tanta sofferenza

La Fiorentina sconfigge il Padova con i gol di Venuti e Callejon. Dopo un primo tempo accettabile, i Viola subiscono nella ripresa la dinamicità dei veneti e si salvano grazie a Terracciano. Il prossimo turno il 25 novembre contro l'Udinese


E' purtroppo la solita Fiorentina. Riesce a complicare ,ancora una volta, una partita che stava indirizzandosi verso una facile vittoria dopo un primo tempo chiuso in vantaggio di due goal, Era successo con lo Spezia e con la Sampdoria ed è successo anche stasera con il Padova, Al di là delle riflessioni sul calo psico-fisico della squadra balza evidente il non gioco di una squadra che non esprime quasi mai una manovra accettabile e logica, Sembra inutile criticare i tre attaccanti quando questi hanno al massimo due o tre palle giocabili. E' piuttosto da criticare il modulo con cui Iachini continua a far giocare una squadra che avrebbe le potenzialità tecniche per esprimersi diversamente.

La partita comincia in ritardo per una positività al Covid nello Staff del Padova, Sono le 17, 40 quando si inizia a giocare. La Fiorentina presenta alcune novità in formazione: Terracciano, Venuti, Igor ,Saponara,Quarta e Cutrone.

La Fiorentina comincia bene e trova il vantaggio al decimo minuto con un colpo di testa di Venuti su un bel cross di Callejon. I viola fanno la partita e hanno un continuo possesso palla. Il Padova timoroso e turbato anche dalla vicenda del Covid, non riesce a passare la metà campo. La Fiorentina, pur giocando a ritmi blandi, riesce a creare qualche occasione. Al venticinquesimo Cutrone manca d'un soffio l'impatto col pallone su cross di Barreca, al trentesimo Saponara colpisce con bel tiro la traversa, poi al trentunesimo Callejon raddoppia.

Nella ripresa la Fiorentina dovrebbe semplicemente controllare una gara che ha dominato nel primo tempo. Ma i viola riescono a farsi del male e si lasciano sorprendere da un bel tiro in rovesciata di Santini al nono minuto, Il gol riapre la gara e da vigore ai veneti che cominciano a premere con frequenza, mentre i viola arretrano il baricentro. Al dodicesimo arriva un'occasione per i viola:ottimo assist di Saponara per Cutrone che si fa respingere il pallone dal portiere. I viola subiscono la pressione del Padova. Il Padova spinge e al 14' pareggia:ma il gol di Germano è annullato. Mandorlini manda in campo Hrajech e il bomber Nicastro,

.Carillo corre ai riparie fa entrare Ribery insieme a Kouame Al 30' il neo entrato Nicastro sfiora il pareggio: palo pieno alla destra di Terracciano.

Ribery si rende conto della difficoltà della squadra e gioca a tutto campo impegnandosi su ogni palla. Al 32′ è ancora il Padova a provarci con un traversone di Germano da destra in area ,neutralizzato da Terracciano che al 45′ compie un miracoloso intervento su girata di testa di Nicastro. Il Padova tenta un generoso forcing ma la Fiorentina, in grande affanno, riesce a far trascorrere i minuti di recupero e ad accedere al prossimo turno di Coppa Italia che la vedrà, il prossimo 25 novembre, opposta all'Udinese.

Giuseppe Carillo, che oggi sostituiva lo squalificato Beppe Iachini sulla panchina viola, ha parlato in conferenza stampa al termine della gara: “Una vittoria importante che ci permette di passare il turno quindi un’ottima prestazione“. E a proposito dell'ennesimo calo dopo il vantaggio: “Anche stasera doppio vantaggio e poi abbiamo subito gol? Sì, forse è un problema mentale. Effettivamente andiamo in vantaggio e poi subiamo sempre. È possibile che sia colpa del periodo difficile che stiamo attraversando in generale, di come abbiamo finito la scorsa stagione, di un’estate senza una vera preparazione e degli stadi vuoti. Però sicuramente c’è da lavorarci“.

Fiorentina- Padova 2-1

FIORENTINA (3-5-3): Terracciano; Venuti, Igor, Quarta, Milenkovic, Barreca (33' st Biraghi), Pulgar, Duncan (46' st Castrovilli), Saponara (21' st Ribery), Callejon (46' st Vlahovic), Cutrone (21' st Koiuame). Allenatore: Iachini (squalificato: in panchina Carillo.)

PADOVA (4-3-2-1): Vannucchi; Della Latta (19' st Hrajech),Pelagatti, Andelkovic; Gasbarro; Mandorlini (19' st Nicastro), Ronaldo, (1' st Germano), Halfredsson (35' st Jelenic); Curcio, Buglio (1' st Santini); Soler. Allenatore Mandorlini

Arbitro: Santoro di Messina

Reti: 10' pt Venuti; 31' pt Callejon; 9'st Santini

Note: ammoniti Andelkovic, Buglio, Halfredsson, Pelagatti, Pulgar

Alessandro Lazzeri