Autopalio: l'attenzione del Governo sembra aumentare

La deputata Pd Cenni commenta la risposta alla sua interrogazione sulla Superstrada Firenze-Siena: "Esecutivo disponibile ad incontro chiesto dai sindaci. Adesso il cronoprogramma e certezze sugli investimenti”


Il Governo ha confermato gli impegni previsti per gli investimenti necessari all’ammodernamento e alla messa in sicurezza dell’Autopalio, dichiarando la disponibilità a un incontro istituzionale sul cronoprogramma dei lavori. Il sottosegretario Roberto Traversi ha risposto oggi in Commissione ambiente, territorio e lavori pubblici all’interrogazione di Susanna Cenni, deputata del PD, nella quale la parlamentare senese chiedeva all’esecutivo provvedimenti urgenti per velocizzare l’iter di adeguamento infrastrutturale della strada che collega Siena a Firenze.

Gli investimenti sull’Autopalio. “Il progetto di riqualificazione della strada – si legge nella risposta del sottosegretario – è attivo dal 2012 per un investimento complessivo di 65 milioni. Nel periodo 2012 -2015 sono stati realizzati lavori per circa 20 milioni per il risanamento della pavimentazione, l’adeguamento delle barriere di sicurezza e il ripristino della segnaletica verticale. 16 milioni di euro, inoltre, sono stati utilizzati per l’allargamento di tratti della sede stradale, la riqualificazione dei viadotti e l’ammodernamento delle barriere. Nell’ultimo biennio, circa 6 milioni di euro sono serviti per la manutenzione di ponti e viadotti e ulteriori interventi di risanamento della pavimentazione, su oltre 30 km di carreggiata, hanno portato un investimento di 15 milioni. Lo scorso 29 novembre sono stati avviati i lavori per il ripristino di alcuni elementi strutturali del viadotto Falciani e sono in fase di attivazioni lavori di manutenzione, pari a 8,4 milioni, per i viadotti Docciola e Bandini”.

“Da luglio a oggi – sottolinea Cenni – i rappresentanti degli NCC (noleggio con conducenti), i sindaci dei Comuni interessati dal passaggio della strada, le istituzioni regionali hanno più volte suonato l’allarme per i lavori fermi o particolarmente rallentati, per lo stato dei viadotti e, più in generale per la sicurezza di tutti i 56 chilometri sui quali si estende l’Autopalio. Con la mia interrogazione ho voluto trasmettere, anche con un atto ispettivo, tale preoccupazione che, mi pare, il Governo abbia recepito. Adesso auspico che si svolga l’incontro istituzionale più volte sollecitato e si possano definire, con certezza, il cronoprogramma e gli investimenti su tutto il tratto autostradale. L’Autopalio risale al 1964 ed è percorsa ogni giorno da circa 25mila automobilisti. Due numeri che, da un lato ci dicono l’urgenza di un intervento di ammodernamento non più rimandabile e dall’altro evidenziano l’importanza di un’arteria stradale che rappresenta un’infrastruttura determinante per tutta la Toscana del sud”.

Redazione Nove da Firenze