Rubrica — Editoria Toscana

Anche quest'anno il 5x1000 può essere devoluto per sostenere Nove da Firenze

Nella dichiarazione dei redditi si può specificare l'associazione di promozione sociale che edita il nostro giornale come beneficiaria dell'imposta sulle persone fisiche. L'appello del direttore responsabile a sostegno del giornalismo on line


Anche quest'anno sarà possibile devolvere il 5 per mille Irpef a Comunicazione Democratica attraverso la dichiarazione dei redditi, al via dal 15 aprile: come sempre le quote destinate all'associazione di promozione sociale saranno utilizzate per attività di cultura digitale, quindi a sostegno di Nove da Firenze, come ad esempio i progetti off line della nostra redazione, azioni benefiche, ecc.

Come fare? Inserendo il codice fiscale dell'associazione, numero 91020060488, e sottoscrivendo l'apposito riquadro, del modello 730, o del modello Unico per le imposte sul reddito, o dell'apposito modulo di "scelta del conferimento" allegato al modello Cud.

«Faccio un appello ai nostri lettori affinchè devolvano il 5 per mille a sostegno della sperimentazione del giornalismo on line -invita il direttore responsabile del nostro giornale Nicola Novelli- L'anno scorso la cifra arrivata dall'imposta sul reddito delle persone fisiche è stata di qualche centinaio di euro. So che le migliaia di lettori che da 20 anni ci danno fiducia potrebbero fare di meglio".

Il 5x1000 non è alternativo all’8x1000: si può contribuire ad entrambi. Nel caso dell’8 per mille però, in mancanza della firma, il contributo viene comunque distribuito fra gli aventi diritto (Stato, Chiesa cattolica, altre confessioni religiose), mentre i fondi del 5 per mille, se non espressamente destinati, andranno allo Stato. 

Redazione Nove da Firenze