Acn Siena: "La rivoluzione". Basterà? Ora è corsa contro il tempo

​Uno stravolgimento, prima nelle figure chiave della società e poi nella rosa, per invertire le sorti di questo campionato. Non è arrivato un bomber


SERIE D - GIRONE E — La rivoluzione è un film del 2019 diretto da Joseph Troia. Il titolo sintetizza, al meglio, le scelte dell’Acn Siena. Prima il cambiamento nei nomi nell’assetto societario, poi il mercato. Il tutto per cercare di dimenticare un mese che ha lasciato, più che scorie, autentiche macerie.

E’ una corsa contro il tempo quella di mister Gilardino che, nuovamente al timone, cerca di raddrizzare la rotta e ritrovare la stessa squadra che aveva visto in campo a Cannara. Meglio, lo spirito di quella compagine.

Per farlo, la società si è affidata al (molto discusso) lavoro del direttore Grammatica che si è detto, finalmente, libero di svolgere il proprio ruolo dopo un periodo, sicuramente, non facile nemmeno per lui.

Veniamo ai fatti. Fuori due uomini chiave dell’inizio della stagione: Nunes e Sartor. Il centrocampista, alle prime uscite, era apparso l’uomo tecnicamente più dotato dell’intero spogliatoio. La punta aveva immediatamente mostrato confidenza con il gol. Dunque, non due nomi banali. Il Siena ha cambiato totalmente pelle affidandosi a gente esperta: D’Iglio, De Falco e Orlando figure che appaiono valore aggiunto in D. Altro succederà con un 2002 che sarà annunciato a breve e con altre partenze “eccellenti” che non sono da escludere.

Un autentico uomo gol, invocato dalla piazza, non è arrivato: questa è cronaca anche se il rientro di Forte potrebbe risultare davvero il miglior acquisto di questo febbraio. Basterà? Nessuno può dirlo ma questo sarà il Siena per tutto il girone di ritorno a meno di arrivi dell’ultissima ora.

La situazione non è semplice. I tifosi sono, a giusta ragione, delusi soprattutto se osservano la classifica e si soffermano su recenti sconfitte che hanno fatto male anche ad un passato illustre, ad una tradizione alla quale chi ha nel cuore questi colori è indissolubilmente legato.

Ma, forse, questo è il tempo di sperare nelle rivoluzioni. La rosa è giovane e questi ragazzi hanno bisogno di sentire un clima di fiducia attorno a loro. Il girone di ritorno è ancora lungo. Non crederci più sarebbe un peccato. 

il nuovo arrivato, D'Iglio, pare indicare la strada giusta (la foto è tratta dalla pagina facebook ufficiale di Acn Siena)

Giuseppe Saponaro