Un convegno sui trasporti per rinsaldare i rapporti fra Firenze e la Romagna


Un ponte simbolico, che attraversa l'Appennino, fra Firenze e Faenza. Questa una delle caratteristiche principali modella "100 km del Passatore", la tradizionale corsa podistica, giunta alla sua edizione numero 30, che prenderà il via il 25 maggio. Come eventi collaterali a questo appuntamento, il Comune di Firenze e quello di Faenza, hanno organizzato un convegno dal titolo: "Un sistema di trasporti efficiente e moderno per rinsaldare Firenze e la Romagna" e una partita di calcio fra gli amministratori delle due città. Al convegno, che si svolgerà domani (ore 10.30) nel Salone de' Dugento in Palazzo Vecchio, parteciperanno gli assessori allo sport dei Comuni di Firenze e Faenza Eugenio Giani e Claudio Ronchini che porteranno i saluti. Sono poi previste comunicazioni del vicesindaco di Firenze Giuseppe Matulli e di quello di Faenza Elio Ferri, degli assessori ai trasporti della Provincia di Firenze Mirna Migliorini e della Provincia di Faenza Gino Maioli. Parteciperanno anche Gabriele Albonetti, componente della commissione trasporti della Camera dei Deputati e Ercole Acerbi, presidente della Tosco Romagnola Scarl. Lo scorso anno il tema affrontato fu quello della Romagna toscana, cui parteciparono i sindaci dei Comuni della Romagna toscana (Modigliana, Rocca San Casciano, Portico - San Benedetto, Castrocaro Terme - Terra del Sole, Verghereto, Bagno di Romagna, Dovadola, Tredozio, Galeata, Premilcuore, Sarsina) e quelli attraversati dalla corsa del Passatore (Fiesole, Borgo San Lorenzo, Marradi, Brisighella, Faenza). "Dopo anni di assoluta assenza - ha detto l'assessore Eugenio Giani - l'iniziativa dello scorso anno e quella di quest'anno servono a mantenere vivo il legame fra Firenze e i Comuni della Romagna toscana che hanno condiviso per tre secoli l'esperienza del Granducato di Toscana fino all'unità d'Italia e addirittura sono rimasti provincia di Firenze fino alla costituzione della nuova provincia di Forlì, che fu uno dei primi atti del nuovo governo fascista. Ho avuto modo di partecipare, anni addietro, a una cerimonia rievocativa a Bagno di Romagna e in quell'occasione presi un impegno morale sul fatto che a Firenze fosse ricordato annualmente questo legame che è ancora vivo nella storia, nelle tradizioni e nella cultura degli undici Comuni romagnoli". L'assessore Giani ha anche ricordato che prima della partenza del "Passatore", è intenzione dell'Amministrazione Comunale di Firenze dare grande risalto alla tradizionale commemorazione della nascita di Dante, la cui data mai certificata, cade fra il 24 maggio e il 15 giugno. Venerdì 24 maggio infine allo stadio di Faenza (lo scorso anno la partita si disputò al Centro Tecnico di Coverciano) è in programma la sfida calcistica fra assessori e consiglieri comunali di Firenze e Faenza. La partita sarà preceduta da una visita al museo della ceramica.

Redazione Nove da Firenze