A Prato andata, caduta e ritorno di Francesco Nuti

"Sogno o son desto", lo spettacolo di Massimo Ranieri, sabato 27 dicembre, alle ore 21


FOTOGRAFIE —  Sarà Prato a ospitare al Teatro Metastasio (29/30 Dicembre – ore 21.15) la prima nazionale dello spettacolo teatral-musicale tratto dall’autobiografia di Francesco Nuti, “Sono un bravo ragazzo” a cura di Giovanni Nuti ed edita da Rizzoli. Lo spettacolo, presentato con grande successo lo scorso 5 Agosto al Castello Pasquini a Castiglioncello, è pronto per andare in scena nella città che ha visto debuttare il grande artista toscano. Un esordio importante per tutta la compagnia che salirà sullo stesso palco dove iniziò la carriera di Francesco Nuti. Scritto e diretto dal regista e sceneggiatore romano Valerio Groppa, interpretato da due artisti toscani: Nicola Pecci voce recitante e cantante nel ruolo di Francesco Nuti e Alessio Sardelli nel ruolo del narratore. Ad accompagnarli sul palco ci sarà un orchestra composta da cinque grandi professionisti che eseguiranno dal vivo le musiche di Giovanni e Francesco Nuti, per la direzione musicale del Maestro Marco Baracchino. Lo spettacolo “FRANCESCO NUTI - andata, caduta e ritorno” è prodotto dalla casa di produzione cinematografica fiorentina " ecoFrames " e promosso dal Comune di Prato, che inserendolo nella programmazione del Prato Festival di Natale beneficia di un biglietto promozionale a soli 9 euro. o spettacolo è un’occasione imperdibile per chi volesse intraprendere un viaggio nel mondo di Francesco Nuti, l'uomo e l'artista. Un percorso tratteggiato da aneddoti e dalle musiche tratte dai suoi film e raccolte nel cd “Le note di Cecco”, alternate da monologhi scritti dallo stesso Francesco, che raccontano tutta la sua storia e la sua carriera con tinte forti e anche aspre. Il ruolo di Francesco Nuti, è affidato all'attore e cantante pratese Nicola Pecci, che debutta nella sua città e per il quale Francesco Nuti è vero e proprio mito. Nicola da buon fan dice di conoscere tutti i suoi film – so le battute a memoria –. La parte del narratore è affidata all’attore fiorentino Alessio Sardelli. “FRANCESCO NUTI - andata, caduta e ritorno” è il racconto di una vita di un uomo che ha vissuto il successo, l'ascesa e la discesa con la stessa intensità. Ora Francesco è tornato, è sereno e ha voglia di lavorare. Ha scritto una nuova sceneggiatura per un film che sogna di realizzare, e che, testardo com'è, realizzerà.



Sabato 27 dicembre, ormai un classico natalizio del Teatro Politeama Pratese, arriva Massimo Ranieri con Sogno e son desto, uno spettacolo ideato e scritto da Ranieri stesso insieme a Gualtiero Peirce. Oltre ai suoi brani più famosi e alle più celebri canzoni napoletane, Ranieri affronterà anche la poesia dei grandi cantautori, da De Andrè a Battisti, da Tenco a De Gregori. Ma in scena ci sarà anche il Ranieri attore, impegnato a raccontare il confine tra sogni e realtà, passando da Shakespeare a Collodi, da Alda Merini a Nino Taranto.

Teatro e musica si scambiano i ruoli nel nuovo spettacolo dello showman napoletano, che si è aggiudicato un Oscar Tv per la versione televisiva omonima del progetto, andata in onda quest’anno in prima serata su Rai 1 con la co-conduzione di Morgan. Per la serata al Teatro Politeama Pratese, l’orchestra è formata da Max Rosati alla chitarra, Flavio Mazzocchi al pianoforte, Pierpaolo Ranieri al basso, Cristiano Micalizzi alla batteria, Donato Sensini ai fiati, Stefano Indino alla fisarmonica, Alessandro Golini al violino.

Redazione Nove da Firenze