17 dosi di cocaina nascoste in un lucchetto della bici

Lo stesso marocchino che aveva usato questo stratagemma ed era stato denunciato dieci giorni fa per detenzione ai fini di spaccio, stavolta è stato arrestato dalla Polizia


Una decina di giorni fa la Polizia di Stato aveva scoperto un ingegnoso nascondiglio per la cocaina, occultata nel lucchetto della bicicletta di un cittadino marocchino di 30 anni, denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti 

Lo stesso uomo non ha tuttavia desistito e ieri pomeriggio la storia si è ripetuta: questa volta per il cittadino straniero sono scattate le manette.

Gli Agenti della Squadra Mobile hanno sorpreso l’uomo nel tardo pomeriggio di ieri in via Bausi a bordo della sua bicicletta con agganciato un altro lucchetto ad “U”.

Alla vista dei “Falchi” della Questura di Firenze il sospetto si è dato immediatamente alla fuga: è salito sul marciapiede di via Gabbugiani, rischiando anche di travolgere i passanti; ha proseguito contromano risalendo su altri marciapiedi ed ha tentato di raggiugere l’area pedonale che collega via Bausi a via Ponte alle Mosse.

Arrivato sul percorso, difficilmente accessibile anche con le motociclette, il cittadino straniero ha proseguito la sua corsa a piedi inseguito dai poliziotti.

Durante la fuga si è liberato del lucchetto e della relativa chiave lanciandoli tra le piante, ma non è valso a nulla. Raggiunto dagli Agenti ha tentato di reagire, ma è stato subito fermato.

All’interno del lucchetto abbandonato a terra la polizia ha scoperto 17 dosi di cocaina.

Il 30enne è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Sempre nell’ambito del contrasto agli stupefacenti, solo una mezzora dopo, i “Falchi” hanno individuato e denunciato, nei pressi di via Michelucci, un altro pusher (un cittadino tunisino di 21 anni) sorpreso con in tasca mezzo etto di hashish.

Redazione Nove da Firenze