Rubrica — In cucina

From Tuscany with Love: una ricetta tutta toscana

Il successo della nostra cucina sui social


Da buona toscana, vi riporto la ricetta della mia famiglia anche se del castagnaccio esistono molte versioni, con il latte al posto dell'acqua, con lo zucchero, senza frutta secca. C'è chi lo accompagna con la ricotta fresca del pastore. Vale sempre la regola del 'soddisfare i propri gusti' per cui sentitevi liberi di modificare la ricetta a vostro piacere. La mia preparazione è adatta a celiaci e vegani in quanto non contiene glutine e nemmeno latticini, è semplice e veloce da realizzare e non dovrete sporcare molto in cucina né utilizzare planetarie e sbattitori! Attenzione: crea dipendenza!

INGREDIENTI:

  • 300 g farina di castagne
  • 100 g uvetta
  • 100 g pinoli
  • 50 g noci
  • 1 scorza di arancia
  • 1 rametto lungo di rosmarino
  • 450 g acqua
  • 2 cucchiai d'olio d'oliva
  • 1 pizzico di sale

Lavate l'uvetta sotto acqua fresca corrente e poi mettetela in ammollo per 10 minuti in una ciotola con acqua fredda per farla reidratare. Con un coltello tritate grossolanamente i gherigli delle noci e poi sfogliate il rosmarino. Setacciate la farina di castagne in una ciotola capiente e aggiungete l'acqua poco alla volta mescolando con una frusta, unite un cucchiaio d'olio e continuate a mescolare fin quando avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo, non troppo liquido, ma se necessario aggiungete altra acqua poco alla volta...A questo punto unite le noci tritate, la scorza di arancia e metà dei pinoli interi. Dopo 10 minuti, strizzate l'uvetta e aggiungetene metà all’ impasto. Mescolate bene e infine aggiungete il sale. A questo punto oliate una tortiera bassa tonda del diametro di 32 cm e versate l'impasto livellandolo con l'aiuto di una spatola. Cospargete la superficie del castagnaccio con i pinoli e l'uvetta che avete tenuto da parte e gli aghi di rosmarino. Versate l'altro cucchiaio d'olio, a filo, sopra l'impasto e fate cuocere in forno statico preriscaldato a 195° per 35 minuti o finché sulla superficie non si sarà formata una crosticina con delle crepe e la frutta secca avrà preso un bel colore dorato, sfornate e lasciate raffreddare; a questo punto potete servire e gustare il castagnaccio.

In cucina — rubrica a cura di Nicole Taddei

Nicole Taddei

Nicole Taddei — 33 anni, laureata in giurisprudenza e assicuratrice di professione. Ama il marito, i figli e la cucina. Fotografa per passione ogni ricetta, che pubblica sul suo blog: https://lemongrassandoliveoil.com/

E-mail: nicoletaddei1983@gmail.com