Via Silvani raddoppia: terminato l’intervento di messa in sicurezza

La strada è stata allargata, realizzato anche il marciapiede e il nuovo ingresso pedonale alla chiesa di San Felice a Ema e al cimitero. Nuovo asfalto via Fortini e lavori ai marciapiedi in viale Torricelli e viale Galileo


Inaugurata ieri la “nuova” via Silvani. La strada è stata infatti oggetto di un intervento di messa in sicurezza che si è concretizzato nell’allargamento della carreggiata (ora a due corsie) e la realizzazione del nuovo ingresso pedonale alla chiesa e al cimitero comunale di San Felice a Ema. La parrocchia di San Felice a Ema, in accordo e collaborazione con il Comune, ha infatti donato la porzione di resede necessaria l’allargamento stradale e la realizzazione di un nuovo marciapiede. Al contempo il progetto ha previsto la realizzazione di un nuovo accesso pedonale alla Chiesa, un nuovo attraversamento pedonale e il nuovo spazio per la fermata dell’autobus, dotata di pensilina. I lavori, iniziati nell’autunno 2018, hanno visto la realizzazione di nuovi muri di contenimento del terreno in cemento armato rivestiti, secondo le indicazioni della Soprintendenza, con la solita pietra demolita del muro precedente. Sono stati realizzati poi marciapiedi e nuova bitumatura di tutto il tratto stradale, opere di regimentazione idraulica delle acque di piattaforma, recinzioni, opere a verde e nuova illuminazione stradale a led.

Nuovo asfalto in viale Matteotti, via Fortini e via delle Masse, ma anche il rifacimento dei marciapiedi in viale Torricelli e viale Galileo e della pavimentazione in pietra in via Bonifacio Lupi. E ancora lavori relativi alle infrastrutture della telefonia in via Baracca e via Caduti di Cefalonia. Sono solo alcuni dei lavori che prenderanno i via la prossima settimana sulle strade cittadine con l’istituzione di provvedimenti di circolazione.

Iniziando dai risanamenti stradali, da lunedì 15 aprile è in programma l’asfaltatura in via delle Masse: il tratto da via Nuova dei Caccini al confine comunale sarà chiuso fino al 19 aprile. Il provvedimento sarà in vigore in orario 8.30-18 con sospensione dalle 12.30 alle 14 (deroga per i mezzi di soccorso e veicoli diretti ai passi carrabili). Saranno invece effettuati di notte i lavori di asfaltatura in via Fortini con chiusura notturna (21.30-6) del tratto via Vinta-via delle Cinque Vie fino al 3 maggio. Sempre programmata di notte l’asfaltatura in viale Matteotti e piazza della Libertà. L’intervento è articolato in fasi successive in orario 21-30 : la prima interessa piazza della Libertà (con restringimenti e divieti di sosta nel tratto da viale Lavagnini a viale Matteotti); la seconda prevede l’istituzione di restringimenti e divieti di sosta in viale Matteotti (nella semicarreggiata numeri civici dispari piazza della Libertà a piazza Donatello), la chiusura di via La Marmora e via Cherubini (da via Modena a viale Matteotti) e divieti di sosta in piazza Isidoro Del Lungo; nella terza i restringimenti di carreggiata con divieti di sosta interesseranno viale Matteotti (da piazza Isidoro Del Lungo a piazzale Donatello lato numeri civici dispari nel tratto di nella carreggiata posto a servizio dei veicoli diretti da piazza Del Lungo a piazzale Donatello) mentre via Gino Capponi sarà chiusa (da via Venezia a viale Matteotti) e continueranno i divieti di sosta su piazza Del Lungo. Termine previsto 20 aprile.

Inizierà lunedì anche il rifacimento della pavimentazione in pietra di via Bonifacio Lupi con chiusura della strada (eccetto mezzi di soccorso e veicoli diretti ai passi carrabili) fino al 14 giugno. E anche quello dei marciapiedi di viale Torricelli e viale Galileo dove, fino al 15 giugno, saranno in vigore restringimenti di carreggiata a tratti in orario 9-16. Infine via La Marmora. Proseguono i lavori di sostituzione dello spartitraffico centrale in viale Gramsci. Da lunedì 15 a mercoledì 17 aprile in orario 21-6 sarà chiuso il tratto da viale Gramsci a viale Segni in direzione piazzale Donatello. Itinerario alternativo per i veicoli viale Mazzini-viale Segni. 

Redazione Nove da Firenze