Al via i lavori per realizzare uno skate park all'Isolotto

L'assessore Bettini: «Gli sport di strada utili per valorizzare spazi pubblici». Mirko Dormentoni, presidente Q4: “Una promessa mantenuta. Abbiamo dato seguito a una richiesta dei ragazzi del quartiere”


Per gli amanti dei salti e delle acrobazie con lo skate. Una folta schiera di appassionati della tavola che vanno dagli 8 agli oltre 40 anni. Partono oggi, all'Isolotto, i lavori per realizzare uno skate park professionale sul terreno di proprietà comunale denominato il 'Cavallaccio', alla confluenza di via del Perugino con via Simone Martini. La struttura si svilupperà su una superficie complessiva di circa 500 metri quadrati e il progetto, elaborato dei tecnici della direzione ambiente, prevede tre rampe skate per le acrobazie: miniramp con bank e parapetto di sicurezza; curb cut con ledge, rail e curb; quartepipe con parapetto di sicurezza. L'impianto sarà delimitato, per l'intero perimetro, da una recinzione. L'investimento dell'amministrazione è di 170 mila euro che serviranno soprattutto per realizzare i lavori. Entro l'anno si prevede che lo skate park sia funzionante. 

«Le nuove generazioni chiedono spazi per gli sport urbani e di strada, ormai molto popolari come lo skate – ha sottolineato l'assessore all'ambiente Alessia Bettini – queste discipline sono uno strumento utile per valorizzazione gli spazi pubblici, come il terreno comunale del Cavallaccio, che diventano così una palestra sociale a cielo aperto».

“Oggi sono partiti i lavori per la realizzazione dello Skate Park in zona San Bartolo a Cintoia – Cavallaccio. Ed è grande la soddisfazione del territorio. Infatti – ricorda il presidente del quartiere 4 Mirko Dormentoni – un anno e mezzo fa un gruppo di ragazzi avevano portato una petizione presentandosi all'inizio di una riunione del Consiglio di Quartiere 4 e il Collegio di Presidenza aveva subito accolto la richiesta e rilanciata all'amministrazione comunale”. “Ringrazio la Giunta comunale, l'assessore Bettini e la struttura tecnica della Direzione Ambiente che si è data subito da fare per programmare, finanziare e progettare questa piccola ma importante struttura che darà una nuova opportunità di gioco ai ragazzi del nostro quartiere e non solo. Adesso monitoriamo i lavori affinché entro l'anno lo Skate Park possa essere aperto. Quando si decide sulla base dell'ascolto dei cittadini si fanno buone cose. I Quartieri servono anche a questo. E non è poco” conclude il presidente Mirko Dormentoni.

Redazione Nove da Firenze