Acqua toscana: innovazione e soluzioni naturali per la gestione

La gestione sostenibile delle risorse idriche nella bassa Val di Cornia


Si chiama REWAT, è il progetto europeo per lo sviluppo di una strategia partecipata per la gestione sostenibile delle risorse idriche nella bassa Val di Cornia. Sarà questo il tema al centro del workshop di venerdì 4 maggio che la Regione Toscana insieme ai partner del progetto, cioè la Scuola Sant'Anna di Pisa, il Consorzio di Bonifica Toscana Costa e Asa Spa, hanno organizzato presso il Centro Fiere di Venturina Terme.

Il convegno, attraverso la presentazione delle attività svolte nel LIFE REWAT e quelle portate avanti da esperienze affini, mira a diffondere l'utilizzo di buone pratiche nella gestione della risorsa acqua (con particolare attenzione a quelle relative a soluzioni basate sui sistemi naturali) e a porre in evidenza come anche questo settore rientri a pieno titolo nel concetto di economia circolare. La mattinata sarà aperta dall'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni, Luca Sebastiani direttore dell'Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant'Anna, Giancarlo Vallesi presidente del Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa, il sindaco di Campiglia Marittima Rossana Soffritti e Andrea Guerrini presidente di Asa Spa.

La giornata organizzata al Centro Fiere di Venturina Terme, inizia alle ore 9,30 per concludersi alle 17 con una visita ai luoghi oggetto degli interventi.

Redazione Nove da Firenze