Black-out: zone e orari della provincia di Firenze dove domani è prevista la sospensione dell'energia
L'assessore Cioni si arrabbia


Proseguirà anche domani, 27 giugno, il programma per la sospensione dell'energia elettrica. Grazie alla collaborazione fra Comune e Prefettura, è possibile anticipare le informazioni sulle zone di Firenze e provincia dove domani è prevista la sospensione. Si tratta di dati suscettibili di cambiamenti, a seconda delle decisioni che potranno essere prese anche all'ultimo momento a livello nazionale. "Pensiamo comunque di offrire un servizio importante ai cittadini" dice il sindaco Domenici che, pur sottolineando il carattere non definitivo delle informazioni e la impossibilità di poter intervenire su di esse, ritiene doveroso far conoscere le zone dove domani con tutta probabilità si verificheranno i black-out.
Dalle ore 7.30 alle ore 9 Firenze: zona Faentina, Cure, Stadio; Signa; Lastra a Signa; Scandicci
Dalle ore 9 alle ore 10.30 Firenze: zona via Pratese e via Pistoiese, Peretola, Mantignano, Brozzi, San Biagio; Osmannoro, San Casciano, Greve, Impruneta, Sesto Fiorentino
Dalle ore 10.30 alle ore 12 Firenze: zona Varlungo, Coverciano, Gignoro, Gavinana, via Aretina, Castello; Sesto Fiorentino, Certaldo, Gambassi, Castelfiorentino, Montespertoli, Montaione, Bagno a Ripoli, Fiesole
Dalle ore 12 alle ore 13.30 Firenze: zona Cascine, Isolotto, Barco, viale Redi, piazza Puccini; Figline Valdarno, Incisa, Greve, Reggello, Pelago, Castelfiorentino, Montaione, Gambassi, Montespertoli, Certaldo
Dalle ore 13.30 alle ore 15 Firenze: zona Oltrarno, Poggio Imperiale, Monte alle Croci, Porta Romana
Dalle ore 15 alle ore 16.30 Firenze: zona Galluzzo, Bottai; Impruneta, San Casciano, Scandicci, Greve, Bagno a Ripoli, Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino, Empoli, Vinci, Cerreto Guidi, Signa, Montelupo.
Una vera e propria follia. L'assessore alle politiche sociosanitarie e alla sicurezza e vivibilità urbana Graziano Cioni commenta così l'interruzione di energia elettrica ordinata nella giornata di oggi senza un'adeguata informazione preventiva. "L'esigenza di risparmiare energia elettrica, pur legittima, non giustifica il metodo utilizzato - dichiara l'assessore Cioni -. Non solo non sono stati coinvolti e informati i comuni ma non è stato neanche preparato un piano di emergenza. L'informazione è stata assolutamente insufficiente tanto che le notizie sulle modalità del black out sono arrivate soltanto questa mattina quando in alcune zone della città l'erogazione di energia elettrica stava per essere sospesa". La sospensione dell'energia elettrica ha bloccato ascensori, frigoriferi, computer e tutti gli altri apparecchi compresi i semafori. "La Polizia Municipale e la protezione civile hanno fatto il possibile per presidiare gli incroci più pericolosi. I vigili del fuoco alle 11.30 di stamani avevano già effettuato 30 interventi per liberare le persone rimaste prigioniere degli ascensori., Stiamo facendo un bilancio dei danni che hanno subito i cittadini. Ma - conclude l'assessore Cioni - l'irresponsabile spegnimento dei semafori senza aver avvisato e concordato un piano di emergenza con l'Amministrazione comunale, ci pone di fronte a un vero e proprio attentato alla sicurezza dei cittadini".

Redazione Nove da Firenze