​Notte Rossa 2017, sabato 18 marzo eventi in tutta la Toscana

La terza edizione dell’evento di Arci Toscana raggiunge il record di adesioni: oltre 300 i circoli che festeggeranno i 60 anni di ARCI


Firenze - Un caleidoscopio di eventi, dai toni e dai sapori diversi, ma tutti con lo stesso colore: il rosso. Sabato 18 marzo la Toscana si tinge del colore simbolo dell’ARCI, che festeggia così, con la terza edizione della Festa dei Circoli di tutta la regione, i 60 anni dell’Associazione.
Una terza edizione che già, a quasi una settimana dall’evento, ha superato di gran lunga i numeri delle precedenti: “Ancora una volta questo evento è, per la nostra associazione, una sferzata d’energia: abbiamo infatti superato i 300 eventi, di cui molti realizzati in collaborazione tra i circoli dei territori, e ogni giorno continuano ad arrivare nuove adesioni”. Così Stefano Carmassi, responsabile dello Sviluppo Associativo dell’Associazione e referente per l’iniziativa, che continua “è un grande risultato per noi, significa che le nostre basi associative hanno colto perfettamente lo spirito dell’iniziativa, il suo essere testimonianza di come con la partecipazione e la condivisione si riescano a ottenere i risultati migliori”.

La Notte Rossa, dunque, come unico grande evento diffuso sul territorio, capace di raccontare il mondo di ARCI in Toscana, le sue molteplici attività, l’impegno nella solidarietà internazionale, l’accoglienza e l’integrazione, la discussione e l’approfondimento.
Soddisfazione espressa dal presidente di ARCI Toscana, Gianluca Mengozzi, che la Notte Rossa l’ha ideata nel 2015 come cornice per le tante feste del tesseramento sui territori: “Volevamo creare un evento che li raccogliesse tutti, per valorizzare l’impegno dei nostri soci e delle nostre socie, il loro entusiasmo e la loro appassionata dedizione. Così è nata la Notte Rossa e siamo orgogliosi del fatto che nei territori, oggi, sia un evento atteso e preparato. I volontari e le volontarie dei circoli l’hanno fatta propria, individuando in questa serata di festa e impegno, un grande momento identitario. Quest’anno poi, c’era una spinta in più: la voglia di festeggiare i 60 anni di cultura e ricreazione, di democrazia e solidarietà, di difesa dei diritti e della laicità delll’ARCI, nata a Firenze nel maggio 1957", continua Mengozzi.Ed ecco che il programma di questa Notte Rossa 2017 è diventato davvero lo specchio dell'universo di ARCI, in cui ogni circolo ha deciso di festeggiare con iniziative che rappresentano al meglio la propria vocazione. I soci quest’anno potranno anche partecipare a unconcorso fotografico pensato per creare anche un racconto per immagini della Notte Rossa: basta scattare una foto, che sia con il cellulare o che sia con una macchina fotografica, e inviarla secondo le modalità descritte nel bando sul sito dell’associazione. “Le prime tre saranno premiate – spiega Carmassi – e le altre andranno a creare una galleria di foto da ogni angolo della regione, che raccontano dei nostri eventi, dei nostri soci e volontari, con i loro stessi occhi”. Tanti eventi diversi tra loro, a seconda dei territori e delle Associazioni: ad Arezzo ad empio, l’accoglienza si coniuga con la cucina e i prodotti locali, con la cena organizzata insieme agli ospiti del progetto SPRAR di Arci Toscana al Centro Sociale Villa Severi e la Giornata dedicata alla conoscenza e promozione della filiera del tartufo al Centro Sociale Arno di Capolona (AR).

A Montecalvoli (PI) il Circolo Over 40/Arcipicchia dedicherà la giornata alla degustazione di prodotti tipici delle piccole aziende locali; così come il Circolo CRO Pozzi
 di Seravezza (LU) che organizza nel pomeriggio un concerto in Piazza della Filarmonica di Riomagno seguito dalla Merenda Popolare al Circolo con i prodotti tipici del luogo. Nell’Empolese, il Circolo I Montagni PP.AA 
di Capraia e Limite (FI) punta sulla riscoperta delle tradizioni e dei giochi del passato con la “pentolaccia in maschera”.

A Viareggio invece la Notte Rossa diventa la Notte della Canapa, con incontri per parlare dei suoi usi e concerti, nell’iniziativa dei circoli
CRO Darsene, Associazione La Staffetta, Associazione Versilcanapa.

Tante le iniziative per i più piccoli, come il pomeriggio della Casa del Popolo di Grassina (FI) con il laboratorio pomeridiano “Ricicliamo la carta” (a cui seguiranno poi proiezioni, aperitivo, concerto
e, per finire, letture teatrali
 e Ballo liscio) e la Casa del Popolo di Campo
 a San Giuliano Terme
(PI) con la sua Notte rossa "Junior", in collaborazione con ARCI Ragazzi Valdera, tra maxi gioco dell’oca, laboratori con la creta e proiezione del film E.T. 

Consumo consapevole al Circolo ARCI di Bucine
 (AR) 
con laboratori per bambini “gioco e non butto”, cena a cura del gruppo di acquisto Gasarci e poi incontro sulla raccolta differenziata 

Solidarietà internazionale protagonista al Circolo ARCI L. Bugiani
 di Pistoia, dove la Notte Rossa diventa “SENZA CONFINI” con l’iniziativa per i bambini lavoratori del MANTHOC in coordinamento con i comitati di Prato e Pisa, il cui ricavato sarà destinato ai progetti di cooperazione internazionale di Arci Toscana.

Ai progetti di ARCI Toscana nel Kurdistan iracheno invece è dedicata la Notte Rossa del Circolo Arci Radio Attiva - Contatto Radio Popolare Network 
a Massa e Carrara, sulle cui frequenze Ludovica Matteucci racconterà l'esperienza nel Kurdistan Iracheno al fianco di ARCI Toscana e Un Ponte Per.

Teatro alla SMS di S.Quirico – F.lli Taddei di Firenze con ARCITeatro Firenze, con una pièce sull’omofobia “I’marito d’i mi figliolo” della compagnia Viceversa Teatro, mentre alla Casa del Popolo di Calcinaia 
(PI) "Di Fatto Teresa", a cura dell’associazione “I Lusiadi”, sulla Partigiane e Costituente Teresa Mattei.
Maratona di sei ore di cinema, ispirata alle celebri notti di “Fuori Orario”, alla Casa del Popolo di Settignano (FI) con la proiezione integrale di “Satantango” di Bela Tarr a partire dalle 18, cinema anche al Circolo Circolo Arci Officine Cineclub di Piombino, con “La sottile linea Rossa” di Terrence Malick.
Tango per il Circolo Polisportivo ARCI la Rosa di Livorno, e circo al Cipollino di Siena, con un evento pubblico di raccolta fondi con laboratori di circo, musica popolare con il gruppo “I Disertori” e merenda.
Tanti gli incontri sulla storia dell’ARCI nei territori: a Manciano (GR) Circolo ARCI Manciano
 accoglie i soci con aperitivo e retrospettiva sui materiali a stampa del circolo, e poi cena e concerto della Compagnia Stabile di Canto Arci Manciano. A Cecina, al Circolo Ricreativo Solvay
di Rosignano Solvay 
(LI) con gli incontri “Insieme OGGI, per parlare di IERI e costruire DOMANI” 
e
 “I Circoli, le Associazioni, i lavoratori del passato come saranno nel futuro”, seguiti dal una cena a base di piatti poveri della tradizione toscana.

E si parlerà della storia e delle prospettive dell’Associazione anche a Prato, al Circolo B. Cherubini, con la presidente nazionale di ARCI FrancescaChiavacci che, insieme al presidente della Regione Enrico Rossi e al sindaco di Prato Matteo Biffoni, parlerà del ruolo e Associazionismo ARCI a Prato, in Toscana e nel Paese.

E tante sono le iniziative sull’arte: sempre aPrato non poteva mancare la visita guidata al Museo Pecci organizzata dal Circolo San Paolo, al Circolo La Montanina di Montebeni a Fiesole (FI) s’inaugura “Arte accatena”, sequenza di esposizioni artistiche che si svolgeranno da marzo a dicembre e l’ Associazione Punto 8
 di Siena inaugura la mostra “Le città invisibili di Italo Calvino” di Gonzales Sandor.
 Molte le iniziative dedicate all’antimafia sociale, come quella del Circolo ARCI La Torre di Valdibrana a Pistoia, con la presentazione del laboratorio della legalità 2017, tra video e interventi dei volontari dei campi svolti la scorsa estate e poi la pizzata sociale con prodotti provenienti dai terreni confiscati alle mafie.

Il calendario degli eventi è in continuo aggiornamento, per scoprirli tutti e cercare quello più vicino, seguite la pagina Facebook di Arci Toscana e visitate il sito www.arcitoscana.it alla pagina dedicata.

Redazione Nove da Firenze