Rubrica — In cucina

Da venerdì mercato di Campagna Amica in piazza Indipendenza a Firenze

​Venerdì 10 novembre ore 10.00 inaugurazione del nuovo mercato degli agricoltori


Venerdì 10 novembre dalle 8.30 alle 12.30 debutta il mercato di Campagna Amica in Piazza Indipendenza a Firenze. Il mercato, targato Coldiretti, vedrà il taglio del nastro alle ore 10.00, avrà cadenza mensile e si svolgerà il secondo venerdì di ogni mese.

Oltre venti produttori agricoli porteranno nel cuore della città le delizie della campagna toscana e non solo. Ortaggi e frutta rigorosamente di stagione, marmellate, formaggi, pecorini, salumi, carne e trasformati, tutte prelibatezze Made in Toscana. Non mancheranno vini, grappe e nocino. Nella stagione dei marroni e dell’olio nuovo poi ecco il meglio dei prodotti autunnali tutti rigorosamente a chilometro zero.

“Il nostro obiettivo, portando il Mercato di Campagna Amica nel cuore di Firenze – ha detto Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana - è quello di continuare a potenziare la rete della vendita diretta per le imprese agricole, diffusa in modo capillare in ogni angolo della nostra regione, con mercati, fattorie, agriturismi e botteghe. Al tempo stesso – continua Marcelli – queste nostre iniziative hanno un forte valore sociale e culturale, perché i nostri mercati non sono solo il luogo di incontro tra produttori e consumatori, ma anche una preziosa occasione di informazione, formazione, divertimento, didattica, con consigli per coltivare mini orti su terrazzi, balconi e davanzali, e per risparmiare riutilizzando gli avanzi”.

I fiorentini hanno avuto modo di sperimentare questo incontro tra campagna e città già sabato scorso alle Cascine con il debutto del mercato nel Piazzale del Re, a lato della Facoltà di Agraria, che si ripeterà con cadenza settimanale.

“Campagna Amica nasce nel 2008, promossa da Coldiretti, per realizzare iniziative volte ad esprimere pienamente il valore e la dignità dell’agricoltura italiana, rendendo evidente il suo ruolo chiave per la tutela dell’ambiente, del territorio, delle tradizioni e della cultura, della salute, della sicurezza alimentare, dell’equità, dell’accesso al cibo a un giusto prezzo, dell’aggregazione sociale e del lavoro – dice Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana -. “L’affermarsi dei punti Campagna Amica ha portato un’autentica rivoluzione nel panorama del commercio al dettaglio anche perché contribuisce a contrastare il fenomeno della riduzione dei servizi di prossimità e l’indebolimento della stessa sicurezza sociale dei centri urbani – continua De Concilio –. Acquistare prodotti a chilometri zero è anche un segnale di attenzione al proprio territorio, alla tutela dell’ambiente e del paesaggio che ci circonda, ma anche un sostegno all’economia e all’occupazione locale”.

Redazione Nove da Firenze