sabato 20 dicembre 2014

La ''Veglia Francigena''

Torna ad Altopascio (Lucca) la “Veglia Francigena”. Figuranti, duelli e un tuffo nella cucina del passato sono gli ingredienti principali della kermesse che si terrà sabato.

ESTATE TOSCANA — Sabato 18 luglio dalle 19:30 si svolgerà ad Altopascio (Lucca) la “Veglia Francigena”, una rievocazione storica nata nel solco di una tradizione che affonda le radici nella grande influenza che ha avuto la Via Francigena per questa città della lucchesia.
La manifestazione è promossa dall’assessorato alle Attività Culturali del Comune di Altopascio in collaborazione con l’associazione storica Cavalieri del Tau, Compagnia dei Balestrieri di Lucca e altre associazioni. Un evento che rientra nel programma delle “Veglie Francigene” realizzato dall'associazione culturale Attuttambiente, co-promossa dalla Regione Toscana e da Apet Toscana Promozione, con il patrocinio dell'associazione europea delle Vie Francigene, ed il paternariato dell'associazione toscana Vie Francigene che quest'anno coinvolge 15 comuni della Regione Toscana, da Pontremoli a Radicofani passando proprio da Altopascio lungo il tracciato della Via Francigena ed alcune varianti, con lo scopo di accrescere la consapevolezza dell'importanza che rivestono itinerari storici che nel tempo sono diventati volani per un'economia sostenibile del territorio.
Ad Altopascio il fulcro della “Veglia Francigena ” di sabato sarà il centro storico con le sue piazze e strade e dove si trova la sede dell’antico ospedale dei Frati Ospitalieri del Tau che ospitava i pellegrini in transito lungo questo tratto della strada.
Il programma della manifestazione prevede alle 19 in piazza Ospitalieri la ricostruzione di una fiera del XIII secolo organizzata dal Coordinamento Nazionale “Mille & Duecento” seguendo una serie e approfondita ricostruzione storica. Un vero e proprio viaggio nel Medioevo dove si potranno vedere 25 banchi con arti e mestieri dell’epoca: l’orafo, il falconiere, il calzolaio, il venditore di tessuti, fabbri, falegnami e armaioli, cantastorie e popolani con uno spazio dedicato anche ai “Saraceni” grazie all’associazione “Imperiali Federici II” di Foggia che ha ricreato la vita di quelle popolazioni arabe deportate dall’imperatore svevo dalla Sicilia alla Puglia. E poi non mancheranno duelli tra cavalieri, esibizioni di musici, giullari e giocolieri. Nella vicina piazza Garibaldi invece si svolgerà l’iniziativa “A Tavola nel Medioevo” dove si potranno gustare pietanze a base di pane, il prodotto tipico più conosciuto di Altopascio, servite dai ristoratori del centro storico con un menù speciale e i punti ristoro organizzati dalle associazioni di volontariato.
Alle 21 in piazza della Magione sarà il turno della proiezione del documentario di Antonio Nardone “Il Cammino dell’Anima” prodotto dall’Amministrazione Comunale con il contribuito della banca Cassa di Risparmio di Lucca.
Alle 21:30 sarà il momento della grande novità della manifestazione con il corteggio storico che ritorna ad Altopascio dopo decine di anni. Più di trecento figuranti provenienti da tutta la Toscana sfileranno per le vie e le piazze del centro storico. Tra questi il Gruppo Storico Balestrieri di Lucca, Le Contrade di San Paolino e il Gruppo Storico Sant’Anna sempre di Lucca, il Gruppo Storico di Vivizzano, le Vicarie della Val di Lima e naturalmente l’associazione storica “Cavalieri del Tau”.
Alle 22:15 in Piazza della Magione la Veglia sarà conclusa da una gara con la balestra a cura della Compagnia Balestrieri di Lucca.
“Dopo il successo della prima edizione nel 2008 – spiega Nicola Fantozzi Per tutte le informazioni riguardanti la “Veglia Francigena” è possibile contattare l'Ufficio Turismo del Comune di Altopascio allo 0583.216525, o la Biblioteca Comunale allo 0583.216280, e-mail: turismo@comune.altopascio.lu.it.

Redazione Nove da Firenze