XI edizione del Salone del Mobile di Firenze: alla Fortezza da Basso in 9mila


Fin dalle prime ore del pomeriggio, famiglie, e soprattutto giovani coppie, si sono messe in fila per visitare la rassegna fiorentina dedicata all’arredamento e che si sono poi soffermati a lungo tra gli stand. Tante le novità presentate dai 200 espositori, dal classico all’ultra-tecnologico.
Alle Grotte il meglio per arredare il soggiorno in stile glamour: tavoli oro e argento, divani in velluto nero con bottoni Swarovski, cornici argentate con piume di gallo e comodini laccati in argento e rivestiti in pelle di struzzo. Per chi ama il relax, i divani in pelle angolari con i sensori, che con un semplice tocco, permettono di reclinare lo schienale o le poltrone a massaggio elettronico.
Nel padiglione Cavaniglia, da non perdere, per chi in casa ha problemi di spazio, il letto rotondo e le cucine con piani e tavoli a scomparsa. Grande successo tra i visitatori hanno riscosso i mobili animati, oggetti d’arredo – tavoli, tavolini, sedie, mobili tv – che, grazie a insoliti e innovativi meccanismi di movimento, si trasformano, cambiando forma e dimensione. Come la vetrina che diventa una colonna chiusa o lo scaffale che diventa tavolo. Proseguendo al piano terra del padiglione Spadolini, arredi in stile fiabesco, poltrone ‘a diamante’, pannelli laccati componibili, riproduzioni degli oggetti che hanno fatto la storia del design e letti a castello scorrevoli per le camere dei bambini. All’attico dello Spadolini, tante idee e spunti per arredare e rendere funzionale la propria casa. Il meglio dei complementi di arredo – infissi, parquet, cornici, lampade, vasi in terracotta – ma anche tutto quanto c’è da sapere sui sistemi di sicurezza e sul fotovoltaico.
Alla Polveriera, infine, la Casa del Futuro, con tutte le soluzioni ultra-tecnologiche di arredi e design e le ultime novità in fatto di domotica. Dal body scanner agli interruttori programmabili, ai touch screen per regolare, con un semplice gesto, tutto quello che c’è nell’appartamento. All’interno della Casa del Futuro, nel corso della rassegna, che si chiuderà domenica prossima, 9 marzo, si svolgeranno cinque workshop. Il primo è in programma lunedì 3 marzo alle 15.30, intitolato ‘L’innovazione tra presente e futuro’. Sabato prossimo, 8 marzo, alle 15.30, il workshop sarà invece dedicato all’architettura dinamica, ed avrà un ospite d’eccezione: l’architetto David Fisher, che ha progettato e brevettato il primo grattacielo al mondo che ruota e produce energia.
Il Salone del Mobile di Firenze resterà aperto, fino a domenica 9 marzo, con il seguente orario: dal lunedì al sabato 15-23,00; domenica 10,30-21.

Redazione Nove da Firenze