Trasporto a Firenze, Tramvia e Stazione: sindaci al tavolo

Dario Nardella richiama tutti i sindaci affinché "ognuno faccia la sua parte a fronte del taglio di chilometri"


 Ieri l'incontro negativo in Ataf, oggi il confronto con il sindaco Dario Nardella.

Incontro in azienda "Non risolutivo in quanto soggetto all'esito della trattativa tra aziende e Regione Toscana per l'accordo ponte di due anni per il TPL" e così la RSU ha chiesto ancora una volta la soluzione dei problemi in sospeso: "pause e straordinario in particolare su binatoni e turni snc, quarti turni, sicurezza e condizioni di lavoro".
L'azienda ha rimandato la discussione per avere la certezza delle risorse da impiegare, che dovrebbero venire dall'accordo ponte.

Oggi l'incontro con il Sindaco Dario Nardella, l'assessore Stefano Giorgetti e il Comandante della Polizia Municipale. Presenti anche Bonora e Ferrari per Ataf.

La RSU ha esposto tutte le preoccupazioni per la quantità dei chilometri futuri che Ataf effettuerà con la Tramvia e per le condizioni di lavoro, specialmente in zona Stazione, chiedendo chiarezza e interventi concreti affinché il servizio "non venga ancora penalizzato a discapito dei lavoratori".

Il Sindaco ha espresso l'intenzione di mantenere gli attuali chilometri di Ataf, ma solo conoscendo "l'esito del contratto ponte e l'entità delle risorse da spendere".
Per questo ha chiesto il coinvolgimento di tutti i sindaci serviti da Ataf, perché "ognuno faccia la sua parte a fronte del problema taglio di chilometri".

 In attesa di avere notizie dalla trattativa sul contratto ponte, la RSU ha deciso di "rimandare, visto che per ora sono solo intenzioni e niente di scritto nero su bianco, tutti i soggetti al tavolo con il Prefetto previsto dalle procedure di conciliazione che sarà convocato entro dieci giorni" e che a questo punto scioglierà i nodi sul futuro ruolo di Ataf e sulle risorse a disposizione.

"Incontro propositivo e soddisfacente nel suo complesso, registriamo una determinata volontà del Sindaco Nardella nel dare priorità al trasporto pubblico, rendendosi disponibile ad accogliere le richieste del sindacato ed allo stesso modo richiamando l'Azienda ad una maggior sensibilità sul fronte della vertenza rimasta in sospeso in sede negoziale" commenta Massimo Milli, FAISA-CISAL Firenze

Redazione Nove da Firenze