Tramvia di Firenze: presente, futuro e nuovi tempi di consegna

Ancora allo studio l'ipotesi di attraversare il centro in sotterranea


 Dario Nardella racconta il sistema tramviario fiorentino ai telespettatori della Rai, dichiarando tra l'altro che "Entro febbraio dobbiamo finire sia la Linea 2 che la 3 poi serviranno alcune settimane di pre-esercizio per mettere i tram sui binari e farli funzionare.. poi si potrà salire a bordo".
La scadenza di San Valentino 2018? "Per salire, chiedendo il massimo sforzo alle ditte, serviranno altri 60 giorni".
 Poi twitta le immagini del sopralluogo dal viale Guidoni presentando le fasi finali della Linea 2 "Al cantiere della stazione ipogea di Viale Guidoni della #TramviaFI Siamo al rush finale per gli ultimi mesi di lavori #firenzecambia".

Rivedi la Diretta dal Viale Guidoni di Firenze

Ecco come cambia: nel 2019 Firenze inizierà i cantieri per la Linea 4 verso Campi Bisenzio, l'anno successivo nel 2020 da Peretola si guarderà verso Sesto Fiorentino, mentre per procedere verso Bagno a Ripoli Palazzo Vecchio attende che l’Unione Europea conceda quei 30 milioni chiesti per il grande bus snodabile a trazione elettrica che da piazza della Libertà possa poi attraversare tutti i viali da Matteotti attraversando l'Arno fino ad Europa, non a caso forse.

 Ancora ferma allo studio di fattibilità l'ipotesi del sottoattraversamento del centro storico con fermate in piazze-salotti come Repubblica o Santa Croce. 

Redazione Nove da Firenze