​Maggio Fiorentino, Chiarot nuovo sovrintendente

Nomina da parte del ministro della Cultura Dario Franceschini di Cristiano Chiarot a nuovo sovrintendente del Maggio


 "Grande soddisfazione per la nomina del nuovo sovrintendente. Conosco Chiarot, ne ho grandissima stima e sono lieta che abbia accettato questa nuova complessa sfida" così la vicepresidente della Regione Monica Barni commenta la notizia della nomina, da parte del ministro della Cultura Dario Franceschini, di Cristiano Chiarot a Sovrintendente del Maggio Fiorentino.

"Sono certa - ha proseguito la vicepresidente - che abbia la competenza, l'esperienza e soprattutto la passione per svolgere questo compito non facile, che lo vedrà affrontare varie problematiche, a partire dal debito, al rilancio del teatro e alla ricostruzione di un clima che valorizzi la persone che nel teatro e per il teatro lavorano. La Regione Toscana sta già collaborando con il Ministero e il Comune e collaborerà con il nuovo sovrintendente".

"Sono molto soddisfatto della nomina, da parte del ministro Franceschini, di Cristiano Chiarot a sovrintendente del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, dopo che è stato indicato all'unanimità dal Consiglio di indirizzo del Teatro da me preseduto" ha detto il sindaco Dario Nardella dopo la nomina da parte del ministro della Cultura Dario Franceschini di Cristiano Chiarot a nuovo sovrintendente del Maggio.

"Ringrazio il ministro Franceschini, il vicepresidente della Regione Monica Barni che mi ha affiancato in questa delicata fase, i consiglieri e il Collegio per aver lavorato con velocità e decisione per dare una nuova autorevole guida al nostro Teatro - ha continuato il sindaco -. Cristiano Chiarot ha tutte le caratteristiche per gestire la nuova impegnativa fase che sta per vivere la Fondazione. Certo è che, oltre alla sua comprovata esperienza e bravura, sarà indispensabile avere la vicinanza e il sostegno concreto di tutte le forze economiche, culturali e sociali di Firenze e dei lavoratori del Teatro". "Avremo di fronte mesi non facili - ha aggiunto Nardella -, nei quali dovremo imboccare definitivamente la strada del rilancio e tornare a scaldare i cuori di un nuovo grande pubblico. Per questo, confido con tutto me stesso fin da ora che tutti gli Enti pubblici soci della Fondazione diamo il massimo per aggredire in modo risolutivo gli annosi problemi di cui é affetto il Teatro, a cominciare dallo stock di debito".

"Colgo l'occasione, come presidente della Fondazione, per esprimere altresì un sincero ringraziamento al sovrintendente uscente Francesco Bianchi - ha proseguito il sindaco - che ha dimostrato, a cominciare dalla sua precedente esperienza di commissario, di aver messo tutto l'impegno possibile nel risanamento di un Teatro che fino a pochi anni fa era sull'orlo della liquidazione". "Ora comincia il secondo tempo di una partita avvincente con una nuova guida. A Cristiano Chiarot, la persona giusta al posto giusto e al momento giusto, faccio un grandissimo in bocca al lupo perché possa portare a Firenze l'entusiasmo, la sensibilità e la concretezza che ha già dimostrato con ottimi risultati alla guida del teatro la Fenice di Venezia - ha concluso il sindaco Nardella -. Cristiano Chiarot sarà ufficialmente sovrintendente subito dopo la scadenza del periodo di permanenza dell'attuale sovrintendente prevista a fine aprile. Il Consiglio di indirizzo ha comunque chiesto che il nuovo sovrintendente Chiarot possa affiancare il prima possibile Bianchi, così da garantire un passaggio di consegne rapido ed efficace".

Redazione Nove da Firenze