La Partita del Cuore a Firenze il 19 maggio

Il 'Re Leone' e Rocco Hunt in campo al Franchi


E’ partita con grande successo la prevendita per la Partita del Cuore 2014 che si terrà allo Stadio Artemio Franchi di Firenze il 19 Maggio.

Dopo quella del grande Giancarlo Antognoni è arrivata anche la conferma della presenza del ‘Re Leone’, Gabriel Omar Batistuta che tornerà nella sua Firenze e scenderà in campo al Franchi con la sua maglia numero 9.

Come più volte dichiarato dallo stesso Batistuta “al cuore non si comanda” e lui, da grande campione torna nella città che lo ha amato per aderire a questo grande evento, così come anche 15 anni fa quando scese in porta con la maglia della Nic per la Partita del Cuore con i Piloti di Formula 1 capitanata da Michael Schumacher.

Per Firenze sarà l’occasione di vedere i suoi due grandi campioni viola scendere insieme al Franchi e, applaudire i due campionissimi che hanno fatto la storia della Fiorentina.

All’annuncio dell’ arrivo di Gabriel Omar Batistuta la Nazionale Cantanti risponde calando l’asso Rocco Hunt., che, debutterà proprio allo Stadio Artemio Franchi.

ll rapper 19enne salernitano Rocco Hunt, fresco della sua vittoria tra le Giovani Proposte dell'ultimo Festival di Sanremo 2014,guida la classifica dei dischi più venduti con il suo album 'A Verità' saldamente in sella per la seconda settimana consecutiva.

Luca Barbarossa, presidente della Nazionale Cantanti, ha consegnato ieri ufficialmente a Rocco Hunt la maglia con cui scenderà in campo il 19 Maggio. (in allegato foto)

Il grande evento sarà trasmesso in diretta Rai 1 e, da oggi sarà possibile vedere lo spot della Partita del Cuore su Rai 1.

La Nazionale Cantanti affronterà la rappresentativa di Emergency in occasione dei 20 anni dell'associazione.

Emergency nasce nel 1994 per offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà. Promuove una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.

I progetti relativi alla raccolta fondi sono:

Emergency per la realizzazione e avviamento di un poliambulatorio a Castelvolturo e il potenziamento del reparto pediatrico cardiologico dell'ospedale "Salam" a Khartum

Fondazione Parco della Mistica per il completamento e ampliamento del primo esempio in Italia di parco polifunzionale completamente accessibile e fruibile anche da persone diversamente abili (parco che verrà inaugurato domenica 11 maggio e realizzato con i fondi delle precedenti edizioni e attrezzato con un parco giochi, un'area picnic, un campo di minigolf da 18 buche un biolago con un ponticello e relativo percorso didattico)

La prevendita è attiva da venerdì 4 aprile tramite i circuiti ticketoneboxoffice toscana, i prezzi sono i seguenti:

Curva Ferrovia: € 5 (biglietto non numerato)

Curva Fiesole: € 5 (biglietto non numerato)

Tribuna Maratona: € 10 (biglietti numerati)

Tribuna Coperta: € 15 (biglietti numerati)

Main sponsor dell’iniziativa, l’ennesima nel sodalizio che lo lega alla Nazionale Italiana Cantanti da dieci anni, è Conad. Ancora una volta fianco a fianco per sostenere chi ha bisogno, Conad mette in campo la propria sensibilità e la propria capacità di essere partecipe di ogni nuova occasione per portare aiuto laddove c’è bisogno. “Una condivisione di intenti che ha sempre prodotto importanti risultati”, fa notare il direttore customer marketing di Conad Giuseppe Zuliani. E’ un modo di coinvolgere tante persone in un impegno di solidarietà che vuole contribuire a migliorare la qualità della vita di tante persone, non solo in Italia.

La Nazionale Cantanti è nata nel 1981 con lo scopo di promuovere e sostenere progetti di solidarietà, opere e interventi per la protezione e la tutela dei più deboli e bisognosi. E' un'organizzazione formata da alcuni dei più prestigiosi protagonisti del panorama musicale italiano che, riunendosi spontaneamente, hanno deciso di impegnare la propria immagine di artisti, nell'inconsueta veste di calciatori dilettanti, in un progetto di solidarietà a lunga scadenza.
In 30 anni di attività, la formazione è scesa in campo in oltre 500 partite, per oltre 8 milioni di spettatori in tutti gli stadi italiani e ha raccolto fondi per una cifra che si avvicina ai 85 milioni di euro. Ventidue degli incontri disputati si sono trasformati in veri e propri eventi televisivi noti come "La Partita del Cuore".


Un'opera della mostra inaugurata stamani dedicata al grande campione scomparso per la Sla. La figlia Alessandra all'esposizione del laboratorio d'arte della Comunità di Sant'Egidio con Brunella Teodori, Renato Gordini e Mario Curia

Un momento di grande intensità e commozione pensando a Stefano Borgonovo, durante l'inaugurazione della mostra 'La Crisi, le Crisi' degli 'Amici', disabili del Laboratorio d'Arte della Comunità di Sant'Egidio di Firenze che espongono da oggi le loro opere nel Museo di Palazzo Davanzati. Un quadro tra quelli esposti è dedicato a Stefano Borgonovo.
All'inaugurazione, infatti, ha preso parte Alessandra Borgonovo, figlia di Stefano, compianto e indimenticabile campione del calcio. Alessandra ha voluto incontrare l'autrice dell'opera Chiara Gravante (in allegato la foto).
La Sla è per l'autrice come una spaccatura che frantuma la vita precedente la malattia, e Chiara ha scelto di rappresentare questo evento drammatico come la frantumazione di una vetrata riccamente colorata. Scrive l'autrice a commento dell'opera: "La Sla cambia la vita a ogni persona perché ti paralizza, ti inferma in carrozzina. Penso che chi ha questa malattia ha una crisi, perché gli crolla il mondo addosso. L'opera rappresenta la spaccatura della vita, tutto il tuo mondo che va a pezzi".
"Crisi è scegliere di essere diverso", scrive Fabio Andriani a commento del suo quadro 'La preghiera fonte di speranza', mentre per Alessandro Baroncelli la risposta alla crisi è l'amicizia: "E' d'oro bisogna tenerla stretta". Sono tante, quanti i quadri le risposte degli Amici alla crisi, come tante linee di volo che spezzano il buio, come la 'Linea di volo' dipinta da Simone Danti: "Io voglio rappresentare la crisi di coscienza, quello di uno che ritorna a Dio.
Avere bisogno non è un problema. Nella vita ciascuno ha come un radar, una linea di volo che ti porta all'arrivo: una linea rossa su uno sfondo che rimane nero". Grazia Scalera, con gli intrecci dei suoi colori, punta a "Fare amici i nemici".
La mostra rimarrà aperta al Museo di Palazzo Davanzati, in via di Porta Rossa n.13, a Firenze dal 12 al 30 aprile. All'inaugurazione Brunella Teodori , Direttore del Museo, Renato Gordini, Direttore Generale dell' Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Bernardo Delton e Silvia Simoni della Comunità di Sant'Egidio, e Mario Curia, editore di Mandragora (che pubblica il catalogo).
"Sono lieta che il Polo Museale Fiorentino - scrive Cristina Acidini, Soprintendente per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze,
nella sua introduzione al catalogo - in una sede di fascino straordinario qual è il Museo Davanzati, torni ad accogliere le creazioni visive del laboratorio della Comunità di Sant'Egidio, grazie alla disponibilità della direttrice Brunella Teodori e del personale tutto".
"Gli amici di Sant'Egidio - osserva il Dg dell'Ente Cassa Renato Gordini - sono da molto tempo impegnati in una attività di grande rilevanza in favore delle categorie deboli per la quale hanno tutta la nostra stima e, da anni, il nostro convinto sostegno. Un'attività che copre un ampio raggio di azione e che interessa numerosi livelli dell'emergenza sociale: dagli extracomunitari alle madri in stato di detenzione, dagli indigenti ai disabili. Ma la sofferenza di queste persone non ne limita la creatività come documentato in questa mostra che vuole onorare anche tutti coloro che, in silenzio, destinano tempo ed energie nell'aiutare il prossimo".
La felicità estetica di queste creazioni, scrive ancora Cristina Acidini, "ci porta nelle immaginazioni attive e vitali di questi artefici, con i quali le diversificate e talora sorprendenti combinazioni di linee, colori, volumi ci mettono in comunicazione diretta". Quest'esperienza, "totalmente positiva, di esposizione" non solo offre ai risultati del Laboratorio - con i suoi operatori e protagonisti - un'adeguata e prestigiosa visibilità, "ma al tempo stesso arricchisce il museo che la ospita, aprendo temporaneamente una ulteriore finestra su un mondo che appartiene a tutti noi".

La mostra, promossa dalla Comunità di Sant'Egidio con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, il Museo di Palazzo Davanzati e l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, sarà visibile fino al 30 aprile in orario di apertura ordinaria del museo 8.15-13.50 (il museo è chiuso nella seconda e quarta Domenica del mese e il primo, terzo e quinto Lunedì del mese). Costo biglietti: intero ? 2.00, ridotto ? 1.00, con le gratuità previste per i musei statali. Catalogo Mandragora.

Redazione Nove da Firenze