Alluvione, cosa fare e come mettersi in salvo: incontro alle Oblate

Stanno per concludersi alla biblioteca delle Oblate gli eventi per ricordare il 50° anniversario dell’alluvione di Firenze del ‘66


Venerdì alle 17 e alle 21, con ingresso gratuito, nella Sala Conferenze, videoproiezioni, su mega schermo, di filmati anche a colori e racconti inediti, di quanto accadde quel 4 novembre a cura dei giornalisti Franco Mariani e Mattia Lattanzi.

Interverranno anche i tecnici del Comune di Firenze e dell’Università di Firenze (Ingegneria), che illustreranno il progetto europeo Horizon2020 RESOLUTE sulla resilienza dei sistemi di trasporto urbano; a 50 anni dell’Alluvione si potrà conoscere come il Comune, insieme all’Università di Firenze (Ingegneria) che coordina il progetto, sta utilizzando le nuove tecnologie per rendere la città di Firenze più resiliente ed efficiente a fronte di un ulteriore evento alluvionale. Durante l’incontro sarà possibile conoscere quali sono i nuovi canali digitali tramite cui i cittadini potranno sapere rapidamente informazioni dalla Città, quali strumenti di analisi dei dati sono in uso per conoscere meglio il territorio ed aiutare meglio la popolazione, e infine le modalità di riadattamento di sistemi di controllo della mobilità urbana a seguito di un evento disastroso.

“Il progetto europeo ‘RESOLUTE’ - dichiara l’assessore al Decentramento Federico Gianassi - ha l’obiettivo, attraverso le nuove tecnologie e soluzioni digitali messe a disposizione dei fiorentini, di promuovere anche le buone pratiche di comportamento suggerite dalla Protezione civile in caso di eventi come quello di un alluvione, mettendole in relazione alle applicazioni per smartphone che il Comune sta sperimentando in città. Partecipare ai due incontri che si terranno venerdì alle Oblate sarà la prima occasione per entrare dentro al progetto e conoscere cosa si può fare e come il Comune di Firenze si sta attrezzando”

Redazione Nove da Firenze