Rubrica — Mostre

Viaggio nel mondo in pieno lockdown con il Siena Awards

La mostra diffusa “Non potevamo immaginare l’inimmaginabile” si snoda attraverso vie e piazze della città con 24 pannelli che raffigurano ritratti di uomini e donne fotografati in contesti e con stili fotografici differenti, uniti da un QR Code sulla bocca. Aprendolo sarà possibile vedere l’immagine originale e un video inedito girato dai fotografi che hanno partecipato ai premi, con immagini in arrivo dalle città di tutto il mondo


SIENA. È una mostra nella mostra e un viaggio fra reale e virtuale dedicato al mondo in pieno lockdown quella che si snoda nelle strade e nelle piazze del centro storico di Siena con il titolo “Non potevamo immaginare l’inimmaginabile”. Allestita nell’ambito del Siena Awards 2020 e curata da Giango, agenzia di comunicazione di Siena, l’esposizione diffusa è composta da 24 pannelli che raffigurano ritratti di uomini e donne fotografati in contesti e con stili fotografici differenti, uniti da un QR Code sulla bocca. Aprendo ogni QR Code sarà possibile vedere l’immagine originale e un video inedito girato durante il lockdown dai fotografi che hanno partecipato ai premi del Siena Awards, con immagini in arrivo dalle città di tutto il mondo che accompagneranno con l’immaginazione un viaggio virtuale intorno al globo scoprendo realtà che era impossibile pensare e immaginare prima della pandemia.

“Con il QR Code - spiega Giampiero Cito, direttore creativo di Giango - il disagio della mascherina diventa uno strumento che permette di unire la testimonianza storica alle emozioni suscitate in ognuno di noi dalla precarietà di un’emergenza sanitaria che non avevamo mai vissuto prima. Il mondo dell’immaginazione dei Siena Awards diventa, così, un veicolo per riflettere e volare su città inedite e chiuse in un vuoto straniante”.

“La mostra diffusa - aggiunge Luca Venturi, ideatore e direttore artistico del Siena Awards - coinvolgerà tutti coloro che vorranno aprire le immagini e i video in un volo nel mondo deserto a causa del lockdown, per non dimenticare ciò che abbiamo vissuto nei mesi scorsi. Le mascherine sotto forma di QR Code presenti in ogni pannello, inoltre, diventeranno anche un modo per unire Siena a tutto il mondo nonostante il Covid-19 e per tenere alto lo spirito di questa manifestazione, nata e cresciuta negli anni come una grande festa della fotografia internazionale con la partecipazione di centinaia di fotografi in arrivo da tutto il mondo, con grandi nomi pluripremiati”.

Siena Awards 2020 animerà Siena dal 24 ottobre al 29 novembre con sei mostre fotografiche distribuite fra l’ex distilleria dello Stellino e altre location nel cuore della città, mentre l’ex Tinaia di Sovicille, a pochi km dalla città del Palio, ospiterà la mostra monografica di Brent Stirton, fotografo sudafricano pluripremiato a livello internazionale per i suoi reportage realizzati in tutto il mondo su tematiche sociali e ambientali.

Il cuore dell’edizione 2020 del Siena Awards sarà la collettiva ospitata negli spazi espositivi dell’ex distilleria dello Stellino, in Via Fiorentina, con gli scatti più suggestivi del concorso Siena International Photo Awards. Sempre all’interno dell’ex distilleria dello Stellino si potrà visitare “Burning Dreams”, personale della freelance italiana Carolina Rapezzi dedicata al deposito rottami di Agbogbloshie ad Accra, capitale del Ghana, diventato una delle discariche di rifiuti elettronici a cielo aperto più grandi del mondo. Nel Chiostro della Basilica di San Domenico, a pochi passi da Piazza del Campo, saranno ospitate due mostre: “Hong Kong Democracy Protests” di Kiran Ridley, dedicata alla lotta per la libertà dei manifestanti di Hong Kong tra pacifismo, violenza, e dolore sociale, e “Saving Orangutans”, reportage di Alain Schroeder realizzato a Sumatra, in Indonesia, che documenta le contraddizioni del comportamento umano rispetto all’ambiente. Gli spazi della storica Accademia dei Fisiocritici, tra i più importanti musei scientifici della Toscana, faranno da cornice a “Above us only Sky”, con le più belle immagini aeree dell’edizione 2020 “Drone Photo Awards”, concorso riservato alla fotografia aerea unico al mondo nel suo genere. I bastioni della Fortezza Medicea di Siena ospiteranno, invece, “I Wonder if You Can”, mostra di fotografia Fine Art con collage, doppia esposizione e immagini in cui i fotografi illuminano la grazia e la bellezza del loro ambiente rivelando verità nascoste del mondo che ci circonda. L’Area Verde Camollia 85, in via del Romitorio, 4, infine, ospiterà la mostra del fotografo cileno Pedro Jarque Krebs intitolata “The Other Refugees” dedicata al dramma silenzioso che colpisce la vita di innumerevoli scimpanzè che subiscono abusi nei circhi, vengono sfruttati in campagne pubblicitarie e imprigionati in condizioni disumane.

Biglietti e prenotazioni

 Nel rispetto delle norme di sicurezza anti Covid-19, sarà possibile visitare le mostre con accessi contingentati e in piccoli gruppi, preferibilmente su prenotazione. Per acquistare biglietti e prenotare visite guidate, è possibile contattare il call center al numero +39 350-1296678 oppure visitare il sito www.festival.sienawards.com nella sezione Biglietti. Le prenotazioni e le prevendite prenderanno il via da martedì 14 ottobre.

Info e social Siena Awards

 Il Festival del Siena Awards è promosso dall’associazione culturale Art Photo Travel in coorganizzazione con il Comune di Siena, con la collaborazione del Comune di Sovicille e il patrocinio del Ministero degli Esteri, Università degli Studi di Siena, Regione Toscana e Camera di Commercio di Siena e Arezzo. Main Partner dell’evento sono Banca Mediolanum, Etruria Retail, Carrefour Market, Lumix, Siena Ambiente e la catena di negozi specializzati foto/video “Il Fotoamatore”. Partner tecnico è Rete Ivo, Internet Veloce Ovunque.

Redazione Nove da Firenze