Vento forte, ma nevicate di debole intensità: prosegue l'allerta gialla a Firenze

Su tutta la Toscana fino alla serata di lunedì possibilità di gelate. Nessuna particolare situazione di criticità, le strade sono libere e percorribili. Al momento nessun provvedimento di chiusura delle scuole


Prosegue l'allerta gialla per vento forte e neve a Firenze. Lo ha stabilito, nel nuovo bollettino di valutazione delle criticità, il centro funzionale regionale. La zona interessata riguarda, oltre la nostra città, anche i Comuni di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa.

Oggi nevicate, ma di debole intensità, su tutto il territorio metropolitano fino a quote di pianura. Da stasera fenomeni in esaurimento ad eccezione del Mugello e Alto Mugello. Temperature in ulteriore calo con massime intorno a 0°C. Vento forte di Grecale fino alla sera di domani. Quella per vento forte terminerà alle 20 di domani, lunedì 26 febbraio, quella per neve tra circa 11 ore, a mezzanotte. Questa mattina le stazioni del Lamma hanno registrato raffiche di vento con una punta massima di 49,5 km/h.

Le amministrazioni comunali di Barberino Val d’Elsa, Greve in Chianti, San Casciano Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa stanno monitorando assiduamente il territorio in collaborazione con le associazioni locali, le autorità competenti, gli agenti della Polizia locale. “Sulla base dell’allerta meteo di vigilanza della Protezione civile, diramata già da ieri, della protezione civile – commenta il sindaco Giacomo Trentanovi, assessore per l’Unione comunale del Chianti fiorentino con delega alla Protezione civile – stiamo tenendo sotto controllo e monitorando la situazione con le squadre al lavoro in tutto il territorio, non abbiamo rilevato alcuna circostanza di disagio, dal punto di vista neve sono previsti miglioramenti in serata mentre restiamo in allerta per quanto riguarda il rischio ghiaccio a causa dell’abbassamento delle temperature, previsto nel corso della notte”. Le squadre comunali e delle associazioni sono all'opera con i mezzi spargisale. Il lavoro proseguirà nelle prossime ore. Domattina le scuole saranno aperte se vengono confermate le previsioni meteo, gli operai saranno al lavoro per garantire la sicurezza. 

Continuano anche in Toscana le condizioni favorevoli a nevicate sparse fino a bassa quota, più frequenti sull'Appennino e sulle zone centrali e meridionali della regione: tendenza ad attenuazione dei fenomeni dalla sera. La Sala operativa della protezione civile regionale ha pertanto rimodulato il codice giallo emesso nei giorni precedenti per vento fino alle 20.00 di lunedì, e per neve - solo per le zone appenniniche e meridionali - fino alle 24.00 di lunedì. Domani, lunedì, neve a bassa quota su Appennino (versanti emiliano-romagnoli) e Amiata.

A Livorno nevischio nella mattinata, copioso sulle nelle zone collinari di Valle Benedetta, Montenero e Castellaccio, intorno alle ore 12. La Protezione Civile del Comune di Livorno ha allertato il volontariato per eventuali interventi, soprattutto nella zone collinari, e Aamps per l'eventuale spargimento di sale. In base alle attuali previsioni meteorologiche, per la giornata di lunedì 26 febbraio non è previsto alcun provvedimento di chiusura delle scuole.

Le Prefetture di Firenze, Prato e Arezzo hanno deciso di far sospendere la circolazione dei mezzi pesanti dalla serata in relazione alla gravità delle condizioni meteorologiche attese in quelle, o nelle province vicine a causa delle perturbazione siberiana che sta raggiungendo l’Italia con repentina diminuzione delle temperature insieme a precipitazioni nevose.

Redazione Nove da Firenze