Rubrica — Mostre

Una mostra sul Tempo

Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XX secolo in mostra alla Galleria d'arte moderna dal 13 settembre 2016 all’8 gennaio 2017


Una importante collezione di circa sessanta orologi conservati in Palazzo Pitti fanno parte della mostra Tempo Reale e tempo della realtà che sta per aprire i battenti martedì 12 settembre 2016 presso la sede della Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti.

Gli esemplari in esposizione sono stati selezionati, in un totale di 200 orologi che fanno parte dell’intero patrimonio del Palazzo, furono i silenziosi protagonisti dello scorrere del tempo durante il periodo in cui Palazzo Pitti fu la residenza di tre dinastie, dalla medicea, lorenese e infine sabauda. Oltre la loro funzione principale di determinare il tempo, con i suoi meccanismi sempre più complicati, erano anche preziosi esempi di raffinata qualità nella lavorazione artistica e tecnico scientifica, tanto da rappresentare i due poli di eccellenza del pensiero umano come l’arte e la scienza.

Afferma E. D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi: “Apprezzati anche a Firenze non solo come oggetti d’arte, spesso di lusso e pregio inaudito, ma anche per il fatto di essere automi meravigliosi, come si sa dalle fonti fin dai tempi di Lorenzo il Magnifico, gli orologi delle collezioni medicee e lorenesi ci restituiscono l’immagine di una corte dove le competenze meccaniche e tecniche erano ammirate non meno delle doti creative degli orafi che inserivano i meccanismi entro complesse decorazioni, molto spesso popolate di allegorie sul Tempo, e dove addirittura si stipendiava un orologiaio per mantenere in ordine i delicati meccanismi di questi oggetti preziosi”.

La mostra, curata da Enrico Colle e Simonella Condemi, è allestita in alcune sale dell’Appartamento della Duchessa d’Aosta. Inizia con un filmato, che presenta il meccanismo degli orologi per poi proseguire in una panoramica di strumenti scientifici e esempi di orologio solare usati per misurare il tempo prima dell’avvento dell’orologio meccanico. Con la collezione di orologi e segnatempo si ha così una serie di importanti esempi scultorei che documentano gli stili di diversi periodi storici e il gusto dominante dei regnanti del Granducato di Toscana. Insieme agli orologi e segnatempo sono presenti dei dipinti, dove sono rappresentati orologi simili, inseriti in un arredo originale.

Una sezione è dedicata al rapporto fra tempo e musica. Infatti, non solo i segnatempo erano applicati agli strumenti musicali ma anche i meccanismi acustici facevano parte degli orologi per farli suonare ad intervalli di tempo. La creazione di orologi musicali introdusse l’uso di automatismi, come nell’orologio a forma di voliera con uccellini meccanici colorati. Una sezione significativa è riservata agli orologi pervenuti, dopo il 1929, da donazioni fatte al Museo del Tesoro dei Granduchi, affiancati a dipinti e abiti del diciannovesimo secolo, per arrivare ai nostri giorni con gioielli e oggetti artistici contemporanei ispirati al tempo.


Tempo Reale e tempo della realtà

Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XX secolo

Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti

13 settembre 2016 - 8 gennaio 2017

Info e prenotazioni: 055.290383 - firenzemusei@operalaboratori.com

Orario: Martedì – Domenica ore 8.15 - 18.50. Chiuso il lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio

www.gallerieuffizimostre.it

Redazione Nove da Firenze