Richard Ginori: oggi flash mob dei lavoratori al Bargello

Barni inaugura mostra: "Al fianco dei lavoratori che creano bellezza"


Firenze, 23-9-2017 - “Non fermate le mani che creano la bellezza”: recita questa frase lo striscione che sarà issato sulla facciata del Bargello (su piazza San Firenze), tramite dei palloni aerostatici, dai lavoratori della Richard Ginori: appuntamento oggi alle ore 16. Durante questo flash mob, sempre in piazza San Firenze, ci saranno dei banchini dove i lavoratori regaleranno decori e manufatti creati sul posto. L’iniziativa anticipa l’inaugurazione della video-installazione “La fabbrica della bellezza. La Manifattura Ginori e il suo popolo. Video-Ritratti di Matilde Gagliardo”: 21 ritratti in video degli operai Ginori saranno proiettati nel cortile del Museo Nazionale del Bargello, dalle 17,30. La video-installazione è legata e complementare alla mostra in corso al Museo Nazionale del Bargello, “La fabbrica della bellezza. La Manifattura Ginori e il suo popolo di statue” (18 maggio-1° ottobre).

“L’iniziativa dello striscione, che si lega alle mostre al Bargello, vuole da una parte testimoniare il vincolo inscindibile tra la Richard Ginori e il Museo di Doccia, tra il popolo dello stabilimento e il popolo di statue del Bargello, tra la bellezza di Firenze e quella del lavoro di qualità; dall’altra parte, vuole continuare a sensibilizzare sulla vertenza - dicono i sindacati -. All’azienda si chiede ancora maggiore determinazione a completare l’acquisto dei terreni che ospitano lo stabilimento, e si ribadisce con forza la richiesta agli istituti di credito di chiudere la trattativa per la cessione dei terreni senza speculare sulla pelle dei lavoratori”.

 "I ritratti di questi 21 operai di ieri, così come gli operai di oggi che poco fa hanno dato vita al flash mob, uniti in questo magnifico cortile, ci testimoniano che la bellezza, per parafrasare un poeta polacco, entusiasma al lavoro, e c'è una lavoro che crea bellezza. E deve vivere". Lo ha detto la vicepresidente Monica Barni inaugurando la video-installazione "La fabbrica della bellezza. La Manifattura Ginori e il suo popolo. Video-Ritratti di Matilde Gagliardo" legata e complementare alla mostra in corso al Museo nazionale del Bargello "La fabbrica della bellezza. La Manifattura Ginori e il suo popolo di statue". L'inaugurazione è seguita a un'iniziativa dei lavoratori, un flash mob, che continuano a chiedere attenzione sulla loro vertenza ribadendo la richiesta agli istituti di credito di chiudere la trattativa per la cessione dei terreni. "In questo giorno in cui si celebra la bellezza - ha proseguito Barni - sono al fianco dei lavoratori che hanno lavorato da secoli e lavorano per fare grande la manifattura Richard Ginori - La Regione Toscana ha sempre seguito e sta seguendo con molta attenzione la complessa vicenda per la salvaguardia di uno dei pilastri storici del patrimonio economico toscano con l'intento di garantire prospettive di sviluppo dell'azienda e sostenere gli interessi generali del territorio". "Chiediamo che questa attenzione - ha detto poi la vicepresidente - e sensibilità vengano dimostrate anche dal sistema creditizio che in queste ore deve finalmente permettere l'acquisto dello stabilimento da parte di Richard Ginori rifuggendo da atteggiamenti che sembrano finalizzati a trarre il massimo profitto dalla gestione dei crediti in sofferenza. Vogliamo anche sottolineare che fabbrica e museo non possono essere separati, l'una si è da sempre nutrita dell'altra e viceversa. E così deve rimanere". "La Regione – conclude Barni - continua a sollecitare l'acquisizione del Museo e delle collezioni da parte del Ministero, ed è pronta, come abbiamo più volte rimarcato, a intraprendere un percorso per la loro valorizzazione già nel 2018".

Redazione Nove da Firenze