Allerta per pioggia e vento dalle 8 di domenica 11 marzo fino alle 12 di lunedì

Rischio idrogeologico/idraulico per i corsi d'acqua secondari: in particolare Ema, Mugnone e Terzolle


FIRENZE- Un doppio codice, arancione e giallo, dalle 8 di domani, domenica 11 marzo, fino alle 12 di lunedì 12 marzo, per rischio idrogeologico ed idraulico e vento. Lo ha emesso la Sala operativa della protezione civile regionale in previsione dell'arrivo di un'intensa perturbazione di origine atlantica accompagnata da correnti miti ed umide dai quadranti meridionali. La perturbazione interesserà gran parte del territorio regionale, con precipitazioni diffuse, localmente anche a carattere temporalesco, più frequenti ed abbondanti sulle zone nord ovest e nel pistoiese. Lunedì ancora instabile con precipitazioni più sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale.

Allerta gialla dunque e conseguente rischio idrogeologico/idraulico nel cosiddetto 'reticolo minore' che comprende i corsi d'acqua secondari (soprattutto Ema, Mugnone e Terzolle). Lo segnala il centro funzionale regionale nel nuovo bollettino di valutazione delle criticità per la zona che riguarda sia il Comune di Firenze che quelli di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa.

Tutti i corsi d’acqua che scorrono nel Comune di Prato (compreso quindi anche il tratto del Bisenzio e dell’Ombrone all’interno dei nostri confini comunali) afferiscono, come tutti gli altri torrenti e corsi d’acqua inferiori, al reticolo minore. Secondo le previsioni le forti e insistenti precipitazioni sia sulla nostra area comunale ma, soprattutto, sui bacini a monte del Comune di Prato andrebbe a incidere in maniera assai consistente sul possibile innalzamento dei livelli dei fiumi. In particolare i rovesci sulla parte settentrionale della Toscana inciderebbe notevolmente sia sulla portata del Fiume Bisenzio sia su quella del Torrente Ombrone. Inoltre è opportuno considerare che un considerevole incremento della portata del Fiume Arno (così come previsto) comporterebbe un deciso rallentamento della velocità di deflusso di entrambi i corsi d’acqua primari del nostro Comune. Associato a questa situazione, inevitabilmente, sarà possibile un “ristagno” delle così dette acque basse cittadine cioè di tutti i torrenti, canali di deflusso, fossi e fossetti presenti nelle zone Sud e Sud-Ovest del Comune di Prato (es.: Torrente Filimortula, Torrente Iolo, Torrente Calicino, Torrente Calice, Fosso del Ficarello ecc.).

PIOGGIA: dalle prime ore di domani, domenica, piogge in estensione dalla costa verso il resto della regione. Dal pomeriggio possibilità di rovesci o locali temporali. In serata le precipitazioni tenderanno a divenire più sparse e intermittenti. Nel corso della notte successiva probabile ripresa delle precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, più frequenti sulle zone di nord-ovest. Cumulati abbondanti sulle zone di nord-ovest e pistoiese con massimi elevati o puntualmente molto elevati sui rilievi. Cumulati significativi sulle restanti zone centro-settentrionali con massimi fino ad elevati.

VENTO: domenica,rinforzo dei venti di Scirocco, in graduale rotazione a Libeccio dal pomeriggio. Forti raffiche su Arcipelago, costa centro-meridionale, colline Metallifere e grossetano.

A chi dovesse mettersi in viaggio, oltre alle abituali attenzioni e in particolare a evitare zone interessate da possibili allagamenti, come ad esempio i sottopassi, si invita a fare attenzione, soprattutto nelle zone montane, alla possibilità di caduta di materiale dai versanti ed a eventuali smottamenti resi possibili a seguito dell'effetto concomitante della pioggia su terreni interessati dalle forti nevicate dei giorni scorsi.

Redazione Nove da Firenze